Richard Dawkins spogliato del titolo “umanista dell’anno” dopo aver invitato al dialogo sulla questione trans in un tweet

Richard Dawkins spogliato del titolo “umanista dell’anno” dopo aver invitato al dialogo sulla questione trans in un tweet

L’American Humanist Association ha spogliato il biologo evoluzionista Richard Dawkins della sua massima onoreficenza per un tweet che chiedeva un dialogo sulle questioni transgender, accusando l’oratore ateo di “umiliare i gruppi emarginati”.
L’organizzazione ha detto che Dawkins ha recentemente insinuato che “le identità degli individui transgender sono fraudolente, attaccando contemporaneamente l’identità nera”, notando che sarebbe stato privato di un premio concesso lui circa 25 anni fa. Ha rifiutato di specificare quale fosse il commento offensivo.

“Purtroppo, negli ultimi anni Richard Dawkins ha accumulato una storia di dichiarazioni che usano le spoglie del discorso scientifico per sminuire i gruppi emarginati, un approccio antitetico ai valori umanisti”, ha detto l’AHA lunedì.

Di conseguenza, il Consiglio dell’AHA ha concluso che Richard Dawkins non meritava più di essere onorato dall’organizzazione e ha votato per ritirare, con effetto immediato, il premio Umanista dell’anno 1996.

Mentre l’Associazione umanista ha fornito pochi altri dettagli e non ha offerto esempi della “storia accumulata” di commenti infiammatori di Dawkins, un tweet del 10 aprile del biologo che fa confronti tra il transgenderismo e l’autodescritta attivista “transnera” Rachel Dolezal è il probabile colpevole.

“Nel 2015, Rachel Dolezal, una donna bianca e presidente della NAACP, è stata denigrata per essersi identificata come nera. Alcuni uomini scelgono di identificarsi come donne e alcune donne scelgono di identificarsi come uomini. Sarai diffamato se neghi che sono letteralmente ciò in cui si identificano “, ha scritto Dawkins, invitando i suoi seguaci a “discutere” l’apparente contraddizione.

Qualche giorno dopo ha postato un nuovo tweet, presumibilmente in risposta ai netizen indignati per quello precedente, dicendo che non intendeva “screditare le persone trans”.

“Vedo che il mio “Discutete” accademico è stato interpretato male come tale e lo deploro. Inoltre, non era mia intenzione allearmi in alcun modo con i bigotti repubblicani negli Stati Uniti che ora sfruttano questo problema”, ha aggiunto Dawkins.

Il post successivo apparentemente non ha fatto nulla per placare l’AHA, che ha affermato che i “successivi tentativi di chiarimento” di Dawkins erano “inadeguati” e non trasmettevano “sensibilità” o “sincerità”.

Mentre alcuni osservatori hanno detto che la revoca del premio Dawkins è stata “giusta“, la mossa ha anche innescato un’ondata di critiche online, con molti che suggerivano che l’organizzazione si e’ prostrata agli “dei woke” e ha adottato una devozione “pseudo-religiosa” per la politica correttezza.

“La politica dell’identità è la nuova religione. Possiamo farne a meno “, ha scritto un utente, inserendo uno slogan dell’AHA,” Buono senza un Dio “.

Un autoproclamato umanista e critico di Dawkins ha invitato i membri dell’AHA a interrompere i loro legami con l’associazione sulla sua decisione, che altri utenti hanno ritenuto una reazione eccessiva alla richiesta di discussione “ragionevole” del biologo.

Il tweet di Dawkins del 10 aprile non e’ il suo primo post controverso, che ha suscitato un’ondata di condanna a febbraio dopo aver suggerito che l’eugenetica potrebbe “funzionare in pratica”, indicando anche che “deplora l’idea su un piano ideologico, politico [e] morale. ” Prima di allora, è stato accusato di razzismo nel 2018 dopo aver twittato che le campane della cattedrale inglese di Winchester erano “molto più belle del suono aggressivo di ‘Allahu Akhbar’” ascoltato nelle moschee musulmane, uno tra i numerosi post scottanti sull’Islam durante gli anni.

Fonte

607e5d652030275fca5a2e5b

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Fai clic qui per acquistare.

veronulla