Polizia tedesca chiude piattaforma pedopornografica con 400.000 utenti

Polizia tedesca chiude piattaforma pedopornografica con 400.000 utenti

La polizia tedesca ha chiuso una delle più grandi piattaforme di pornografia infantile del mondo, un sito darknet chiamato “Boystown”, arrestando diversi sospetti ritenuti i suoi amministratori. Il sito aveva circa 400.000 utenti al momento della sua chiusura.
La chiusura della piattaforma è stata annunciata lunedì in una dichiarazione dei procuratori di Francoforte insieme all’Ufficio federale di polizia criminale.

Le forze dell’ordine hanno affermato di aver catturato tre sospetti ritenuti gli amministratori della piattaforma ormai non piu` funzionante, che secondo quanto riferito aveva oltre 400.000 utenti al momento in cui l’operazione di polizia l’ha messa offline.

La polizia l’ha descritta come “una delle piattaforme darknet di pornografia infantile più grandi al mondo” e ha affermato che è attiva almeno da giugno 2019. Diverse altre piattaforme di chat dedicate alla condivisione di pornografia infantile sono state messe offline durante i raid.

Due sospetti, un uomo di 40 anni di Paderborn e un uomo di 49 anni di Monaco, sono stati arrestati durante i raid della polizia a metà aprile. Un altro sospettato, un uomo di 58 anni del nord della Germania, è stato arrestato in Paraguay dove risiede da anni. La Germania ha chiesto la sua estradizione.

La polizia ha anche arrestato un quarto sospetto, un uomo di 64 anni di Amburgo, ritenuto uno degli utenti più attivi della piattaforma. Hanno detto che l’uomo avrebbe caricato sulla piattaforma oltre 3.500 post contenenti contenuti altamente illegali.

Durante le incursioni è stata sequestrata una grande quantità di materiale pornografico, comprese immagini di “abusi sessuali gravissimi sui bambini piccoli”.

La rimozione della rete di pornografia infantile è stata annunciata dagli alti funzionari tedeschi che hanno affermato che l’azione di polizia mostra che le autorità sono in grado di proteggere efficacemente i più vulnerabili e punire i predatori sessuali che li depredano.

“Questo successo investigativo ha un messaggio chiaro: coloro che attaccano i più deboli non sono al sicuro da nessuna parte”, ha affermato il ministro dell’Interno tedesco Horst Seehofer. “Questo è ciò per cui gli investigatori lavorano giorno e notte, online e offline, a livello globale.”

Faremo tutto ciò che è in nostro potere per proteggere i bambini da questi crimini disgustosi.

Fonte

60900a6785f5402ce243106d

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Fai clic qui per acquistare.

veronulla