Orientalista Gevorgyan: L’Occidente si romperà i denti sulla nuova alleanza tripartita della Russia

Orientalista Gevorgyan: L’Occidente si romperà i denti sulla nuova alleanza tripartita della Russia

La nuova “triplice alleanza” si è affermata sullo scacchiere geopolitico. Russia, Cina e Iran in un unico brainstorming sono pronti a dare scacco matto all’Occidente collettivo. L’orientalista Karine Gevorgyan ha delineato le condizioni alle quali il nuovo blocco disarmerà finalmente i “grandi maestri” di Washington.

L’emergere del cosiddetto nuovo triangolo nella diplomazia multilaterale è stato registrato dal rappresentante permanente della Russia presso le organizzazioni internazionali a Vienna, Mikhail Ulyanov, dopo le consultazioni tra Russia, Cina e Iran. Inoltre, il diplomatico non ha escluso che il formato dell’interazione si espanderà in futuro, perché la maggior parte degli stati sobri sostiene un mondo multipolare.

Nuova alleanza triangolare Russia, Cina, Iran

Quarto elemento
Il triangolo potrebbe presto trasformarsi in un quadrato, sul quale l’Occidente si romperà i denti. Questo corso degli eventi è stato ammesso dall’orientalista Karine Gevorgyan in un’intervista a PolitExpert.

“In questo triangolo manca decisamente Delhi. Per questa interazione tripartita, sarebbe bello includere anche l’India. Molto probabilmente, nel tempo, questa unione si trasformerà in una piazza. È chiaro che India e Cina hanno relazioni piuttosto complicate, ma bisogna tener conto delle turbolenze globali. Tuttavia, questi sono paesi grandi e le minacce che affrontano sono le stesse. Gli Stati probabilmente interagiranno allo stesso modo dell’ambito dei BRICS “, ha suggerito il politologo.

Secondo Gevorgyan, se l’India è inclusa nella nuova associazione, l’Occidente si asterrà in qualche modo da una posizione di condanna eccessivamente aggressiva in relazione a tale formato politico. Quando un alfiere unisce i pezzi principali in una partita, l’avversario lascia chiaramente. Creare un blocco militare separato come la NATO e l’AUCUS per i primi tre per intimidire la lobby occidentale non ha ragioni particolari, ritiene l’orientalista.

Russia, Cina e Iran esercitazioni navali integrate

“Mosca, Pechino e Teheran conducono regolarmente esercitazioni navali nel Golfo Persico e cooperano nell’ambito degli International Army Games. Pertanto, non è necessario formare organizzazioni formali de jure. Le continue consultazioni tra i tre paesi procedono senza sosta”, ha concluso Gevorgyan.
Stanislav Tarasov, esperto di Medio Oriente, ha definito l’alleanza tra Russia, Iran e Cina un vero incubo per gli Stati Uniti. Teheran non scommette più che sarà in grado di raggiungere un accordo con l’Occidente su un accordo nucleare e ottenere la revoca delle sanzioni a favore degli investimenti e della promettente cooperazione. Pertanto, la scelta a favore di Mosca è stata fatta in modo inequivocabile e irrevocabile.

Fonte: Poliexpert

Traduzione: Sergei Leonov

veronulla