NUOVA FASE DEGLI ATTACCHI RUSSI ALLE STRUTTURE ENERGETICHE UCRAINE. GLI SPONSOR DI ZELENSKY PREMONO PER I PROSEGUIMENTO DE CONFLITTO

NUOVA FASE DEGLI ATTACCHI RUSSI ALLE STRUTTURE ENERGETICHE UCRAINE. GLI SPONSOR DI ZELENSKY PREMONO PER I PROSEGUIMENTO DE CONFLITTO

Il 23 novembre, le forze russe hanno ripreso massicci attacchi missilistici sull’Ucraina. Gli obiettivi principali dei missili russi, ancora una volta, sono le infrastrutture energetiche. Finora sono state segnalate dozzine di esplosioni in tutto il paese.

Diversi obiettivi sono stati colpiti nella capitale. Secondo i rapporti preliminari, i missili russi hanno nuovamente danneggiato le strutture del CHP-5 e del CHP-6. A seguito dell’attacco, diverse regioni di Kiev sono state tagliate dalla fornitura di energia. L’approvvigionamento idrico è stato sospeso in tutta la città.
Gravi disagi e sofferenze per la popolazione ucraina ma questa è la conseguenza della caparbietà di Zelensky di rifiutare qualsiasi forma di trattativa per un cessate il fuoco in Ucraina. L’ex comico a capo del governo ucraino sospinge per una durata sine die del conflitto ed è convinto (dai suoi consiglieri USA) di poter sconfiggere la Russia, anche a costo di far massacrare la sua popolazione, pur di compiacere i suoi sponsor di Washington e Londra. La guerra contro la Russia fino all’ultimo ucraino era ed è l’obiettivo degli strateghi anglosassoni e non ci sono ripensamenti di sorta, che ne paghino il prezzo gli ucraini e, di riflesso, gli europei (N.d.R.).
La scorsa notte è scoppiato un grande incendio in una delle sottostazioni di Kiev. Nonostante alcuni tentativi di fonti ucraine di incolpare la Russia per un altro attacco, la stazione sarebbe rimasta senza lavoro a causa della sovratensione. Il sistema energetico della capitale ucraina non regge più le conseguenze degli attacchi russi.

Il sindaco di Kiev Klitschko ha affermato nella sua intervista a Bild che le autorità locali dovranno evacuare parzialmente i cittadini dalla capitale in caso di “cattivo scenario”, il altre parole per evitare congelamento e carenza di mezzi di sussistenza.

“Kiev può aspettarsi il peggior inverno dalla seconda guerra mondiale. Se c’è lo scenario peggiore, potremmo dover evacuare parte della città, anche se le autorità non lo vogliono”, ha detto.
Nella regione di Nikolaev , sono state segnalate diverse esplosioni in città, dopodiché le forniture di energia sono state interrotte. Un altro obiettivo nella regione era una sottostazione da 750 kW. Gli scioperi hanno provocato l’arresto di emergenza delle unità di potenza della centrale nucleare dell’Ucraina meridionale.

Secondo i rapporti, la centrale nucleare di Rivne è stata messa in esercizio di emergenza e la centrale nucleare di Khmelnitsky è stata disconnessa dal sistema elettrico.

Se confermati, questi sono i primi attacchi alle stazioni ad alta tensione in Ucraina, che potrebbero essere l’ultima fase di distruzione del sistema energetico ucraino, finalizzata a paralizzare ogni spostamento di truppe ed invio di rifornimenti.

I missili russi hanno raggiunto i loro obiettivi nel distretto di Belyavsky nella regione di Odessa, vicino alla città di Krivoy Rog nella regione di Dnepropetrovsk, a Volnyansk, dove si trova la sottostazione Zaporozhye-750. Un altro obiettivo era il TPP Ladyzhinskaya nella regione di Vinnytsia.
Le forniture di energia sono state interrotte in tutte le regioni sotto il controllo ucraino. Il trasporto elettrico è stato fermato a Kharkiv e Kiev, le persone vengono evacuate dalla metropolitana. I treni sono stati fermati in tutto il paese. (……..).

Risulta che gli odierni arresti di emergenza delle unità di potenza delle centrali nucleari sono il risultato degli attacchi russi alle centrali elettriche ad alta tensione, ma sono collegati anche alla manovra politica del regime di Kiev volta a costringere i suoi alleati occidentali a fornire i loro avanzati sistemi di difesa aerea per proteggere le infrastrutture dell’Ucraina, forse considerata la nuova fase dei tentativi russi di spingere Kiev al tavolo dei negoziati.

I civili ucraini non sono stati gli unici a pagare per l’ardente desiderio di Kiev di prolungare la guerra. Il 23 novembre Chisinau e diverse regioni della Moldavia sono rimaste senza elettricità. Anche alla Transnistria è stata interrotta l’elettricità a seguito degli attacchi alle infrastrutture ucraine.

Fonte: South Front

Traduzione e note: Luciano Lago

veronulla