Miliardari come Bill Gates non ci salveranno dal Covid, dai cambiamenti climatici o dalle fake news. Perche’ non e’ nel loro interesse

Miliardari come Bill Gates non ci salveranno dal Covid, dai cambiamenti climatici o dalle fake news. Perche’ non e’ nel loro interesse

La convinzione del fondatore di Microsoft che Big Pharma debba mantenere il monopolio sui vaccini, negando così a milioni di persone di ottenerli, dimostra una verità essenziale sui super ricchi: sono sanguisughe egoiste.

Miliardari. La nostra società ha un rapporto complicato con queste persone poiché la loro mera esistenza in un momento di disuguaglianza record sottolinea solo l’assurdità della nostra vita quotidiana sotto una forma deformata di capitalismo. Questo perché nessuno di loro ha effettivamente guadagnato un miliardo di dollari, piuttosto hanno sfruttato i lavoratori per accumulare quella ricchezza oscena. Sono sanguisughe, non dovrebbero esistere ma alcuni, presumo, sono brave persone.

In un articolo di aprile per The New Republic, il giornalista Alexander Zaitchik espone esattamente come Gates, attraverso la sua rete di beneficenza, avesse sostanzialmente dirottato la risposta globale al Covid-19 e la avesse allontanata dall’idea di un “vaccino popolare”, optando invece per il programma COVAX.

Ciò è accaduto perché, scrive Zaitchik, Gates e la sua rete avevano implicitamente sostenuto che “i diritti di proprietà intellettuale non presenteranno problemi per soddisfare la domanda globale o garantire un accesso equo, e che devono essere protetti, anche durante una pandemia”. Fondamentalmente, Gates pensa che sia possibile sradicare il Covid-19 e rafforzare le stesse strutture sistemiche che hanno portato alla sua diffusione incontrollata in primo luogo.

Questo prevedibilmente fallì. In una recente intervista con Sky News, a Gates è stato chiesto se sarebbe stato utile cambiare la legge sulla proprietà intellettuale al fine di condividere la “ricetta per questi vaccini” con i paesi più poveri a cui ha risposto, “No.”

Ha continuato spiegando che non avrebbe fatto differenza poiché ci sono poche fabbriche in grado di produrre il vaccino.

“Il problema non e’ la proprietà intellettuale. Non esistono fabbriche di vaccini inattive approvate, che possono produrre vaccini sicuri”, ha detto. “Devi controllare scrupolosamente ogni processo di produzione. Ci sono un ventaglio di problemi con la proprietà intellettuale e i farmaci, ma non in termini di quanto velocemente siamo stati in grado di produrli. “

Il problema con ciò che ha detto Gates – il semidio in contatto con persone ai massimi livelli su questo tema poiché è lo zar non ufficiale del Covid – è che si tratta di una menzogna. Ad esempio, un articolo del 1 marzo di AP afferma che ci sono almeno, secondo i loro rapporti, tre fabbriche in tre diversi continenti che “potrebbero iniziare a produrre centinaia di milioni di vaccini Covid-19 con breve preavviso se solo avessero i progetti e il know-how tecnico. “

Per qualche ragione, PolitiFact ha risposto al clamore intorno alla palese menzogna di Gates, affermando che “Bill Gates ha difeso i diritti di proprietà intellettuale per i produttori di vaccini Covid-19, ma gli ingredienti dei vaccini Covid-19 approvati per l’uso negli Stati Uniti sono già pubblici. ” Questo è vero, ma fuorviante perché mentre gli ingredienti dei vaccini sono pubblici, la “ricetta” – cioè la formula esatta, come prepararla insomma – non lo è. La causa di questo e’ Bill Gates.

Secondo lui, i suoi adulatori e dirigenti di Big Pharma, le protezioni dei brevetti portano all’innovazione e quindi portano a una medicina migliore e più innovativa. Ma anche questa è una bugia. Secondo uno studio dell’Institute for New Economic Thinking, i contribuenti statunitensi hanno sovvenzionato ogni nuovo farmaco negli ultimi dieci anni, e questo include anche la tecnologia del vaccino a mRNA. (Per essere onesti, in realtà è difficile trovare un esempio di nuova tecnologia in qualsiasi settore senza alcun legame con la R&S del governo.)

Il dottor Jonas Salk, anche lui beneficiario del sostegno del governo per la sua ricerca, avrebbe potuto diventare il primo miliardario al mondo chiedendo un brevetto per il vaccino antipolio, ma notoriamente rifiutò. Grazie a questa decisione, la poliomielite è stata effettivamente eradicata nella maggior parte del mondo. Le barriere della proprietà intellettuale lo avrebbero reso impossibile.

Il motivo per cui Gates e altri sono così intenzionati a difendere i diritti di proprietà intellettuale è che sono profondamente radicati nella loro ideologie. Pensaci: Gates ha fatto tutta la sua fortuna grazie a queste leggi. Ammettere che le leggi sulla proprietà intellettuale sono un ostacolo all’accesso di beni e servizi da parte delle persone sarebbe anche un’ammissione che lui e la sua fortuna non hanno posto nella società. Quindi vengono usati argomenti ideologici senza basi fattuali come copertura per giustificare l’esistenza di tali limitazioni cercando contemporaneamente di fare la cosa giusta.

Il problema è che fare la cosa giusta, è letteralmente impossibile per questi monopolisti, il cui unico motivo è il profitto. Gates potrebbe avere buone intenzioni e potrebbe sinceramente voler risolvere questa pandemia, ma le soluzioni che propone sono offuscate da questa dissonanza cognitiva.

Gates e i suoi amici di Big Pharma non possono salvarci dal Covid-19 proprio come Mark Zuckerberg non può salvarci dalle “fake news”. Questo perché è contro i loro interessi risolvere effettivamente questi problemi.

Fonte

6091596b85f5401f923d03e9

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Fai clic qui per acquistare.

veronulla