La narrativa va in frantumi: Circa meta’ delle ospedalizzazioni per Covid di quest’anno erano di casi con sintomi leggeri o asintomatici

La narrativa va in frantumi: Circa meta’ delle ospedalizzazioni per Covid di quest’anno erano di casi con sintomi leggeri o asintomatici

Un nuovissimo studio mette in discussione quanto sia affidabile e significativo il numero di “pazienti ricoverati in ospedale con Covid-19” negli Stati Uniti.

I ricoveri per Covid – la metrica più utilizzata quando si discute della gravità della pandemia – potrebbero non essere così significativi come molti pensavano una volta. E non sono io a dirlo: Il The Atlantic ha pubblicato un pezzo straordinario martedì citando un nuovo studio il quale suggerisce che “quasi la metà di quelli ricoverati in ospedale con COVID-19 ha casi lievi o asintomatici”.

Il The Atlantic aveva precedentemente definito i ricoveri per Covid “il dato pandemico più affidabile”, lo scorso inverno. Ora, dopo che è stato pubblicato uno studio nazionale sulle ospedalizzazioni, la pubblicazione sta facendo marcia indietro.

I ricercatori della Harvard Medical School, del Tufts Medical Center e del Veterans Affairs Healthcare System si sono assunti il ​​compito di cercare di capire quanto fossero gravi i casi di Covid nei ricoverati e quante persone conteggiate come ricoveri Covid fossero effettivamente in ospedale per Covid, rispetto a coloro che hanno fatto il test Covid dopo essere stati ricoverati per qualcos’altro.

Lo studio “ha analizzato i registri elettronici di quasi 50.000 ricoveri ospedalieri COVID negli oltre 100 ospedali VA in tutto il paese”, ha scritto The Atlantic. Ha “verificato se ogni paziente necessitava di ossigeno supplementare o aveva un livello di ossigeno nel sangue inferiore al 94 percento” al fine di provare a determinare se i casi soddisfacevano la soglia del NIH per definire i casi come gravi.

Lo studio ha rilevato che da marzo 2020 a gennaio 2021, il 36% dei casi di Covid in ospedale era lieve o asintomatico. Da gennaio 2021 a giugno 2021, quando la variante delta si e’ diffusa, quel numero è salito fino al 48%. Per i pazienti ospedalieri vaccinati, il numero è salito a un sorprendente 57%.

Come ha affermato The Atlantic: “Lo studio suggerisce che circa la metà di tutti i pazienti ricoverati per Covid potrebbe essere stata ricoverata per un altro motivo o avere solo sintomi lievi”.

I limiti dello studio includevano ovviamente il fatto che il VA non è rappresentativo della popolazione totale degli Stati Uniti:

Tra i limiti dello studio c’è che i pazienti nel sistema VA non sono rappresentativi della popolazione statunitense nel suo insieme, poiché includono poche donne e nessun bambino. (Tuttavia, le nuove scoperte fanno eco a quelle dei due studi sui ricoveri pediatrici.) Inoltre, come molti centri medici, il VA ha una politica per testare ogni degente per COVID, ma questa non è una pratica universale. Infine, la maggior parte dei dati, anche dei pazienti ricoverati nel 2021, derivano dalla fase della pandemia prima che la Delta si diffondesse, ed è possibile che i rapporti siano cambiati negli ultimi mesi. Tuttavia, lo studio è durato fino al 30 giugno, quando l’ondata delta stava per terminare, e non ha rilevato che la percentuale di pazienti con problemi respiratori da moderati a gravi fosse in aumento alla fine del periodo di osservazione.

Graham Snyder, direttore medico della prevenzione delle infezioni e dell’epidemiologia ospedaliera presso l’Università di Pittsburgh Medical Center, afferma che lo studio seppellisce la narrativa sull’efficacia del vaccino: “Non è stato riportato quanto il vaccino ti renda la vita migliore e quanto in meno rischi di ammalarti. Questa è la gemma in questo studio”.

Daniel Griffin, specialista in malattie infettive della Columbia University, è d’accordo: “La gente mi chiede: ‘Perché mi vaccinano se finisco comunque in ospedale?”

“Dovremmo perfezionare la definizione di ricovero”, ha affermato Shira Doron, medico di malattie infettive ed epidemiologo ospedaliero presso il Tufts Medical Center e coautore dello studio. “Quei pazienti che non sono li per COVID dovrebbero essere eliminati dal conteggio”.

Cosa conclude lo studio nel suo insieme? Ancora, nelle parole di The Atlantic: “… lo studio dimostra anche che i tassi di ospedalizzazione per COVID, come citati da giornalisti e responsabili politici, possono essere fuorvianti, se non considerati con attenzione”.

Fonte

covid_0

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Click here to purchase.

veronulla