La cannabis che cura – settembre 2021

La cannabis che cura – settembre 2021
Tempo di lettura: 12 minuti

La rubrica sulla Cannabis Terapeutica di Fuoriluogo.it

Numero 42 – Settembre 2021
Supplemento mensile alla
newsletter di Fuoriluogo.it – Droghe e Diritti
Ogni quarto lunedì del mese nella vostra mail
A cura di Francesco Crestani
Associazione Cannabis Terapeutica
www.medicalcannabis.it | ACT su Facebook


Sclerosi multipla: sondaggio

Secondo un sondaggio svolto in Oregon e Washington Sudovest, il 30% delle persone con sclerosi multipla utilizza correntemente la Cannabis per la loro malattia. La maggior parte degli intervistati usa la cannabis per più vie di somministrazione e che la cannabis è molto o in qualche modo utile per la propria SM. Coloro che sono più giovani, guadagnano meno, hanno una malattia progressiva e hanno disabilità hanno maggiori probabilità di usare cannabis. Le persone più giovani, che guadagnano di meno, che non usano terapie modificanti la malattia della SM e hanno una disabilità peggiore hanno maggiori probabilità di riferire che la cannabis aiuta la loro SM.
https://www.msard-journal.com/article/S2211-0348(21)00439-9/fulltext

Tourette uno: Studio pilota su THC e palmitoiletanolamide

Una combinazione di THC e palmitoiletanolamide (PEA, un integratore antiinfiammatorio presente anche nel nostro organismo ove può intervenire nell’effetto “entourage”) è stata somministrata a sedici pazienti con Tourette, determinando una riduzione significativa dei tic entro una settimana dall’inizio del trattamento. Tale miglioramento è stato di più del 20%. Gli effetti collaterali erano comuni, ma facilmente controllabili riducendo le dosi, rallentando la titolazione del farmaco o assumendolo la sera.
https://neuro.psychiatryonline.org/doi/10.1176/appi.neuropsych.19080178

Tourette due: caso clinico

Un uomo di 25 anni si è presentato con una storia di una settimana di tic motori semplici e complessi rapidamente progressivi tutti attribuiti alla cessazione del suo uso ricreativo di cannabis poche settimane prima. Da almeno un anno consumava quotidianamente per alleviare la “voglia di muovere le gambe la sera” iniziata due anni prima. All’epoca notò per la prima volta brevi contrazioni, movimenti fastidiosi nelle gambe durante la notte, più tardi anche durante il giorno. Per diversi anni prima aveva sperimentato episodi di diffusa urgenza di muovere le gambe, ma non aveva mai avuto tic o altri movimenti inconsci visibili. Sopprimere il movimento era diventato più difficile nelle ultime settimane, rendendo sempre più stigmatizzante l’uscita di casa o l’uso del trasporto pubblico, con conseguente autoisolamento. Al momento della presentazione aveva tic continui, costituiti principalmente da movimenti della testa e degli arti superiori, che poteva sopprimere fino a 10 secondi. I fattori esacerbanti includevano il disagio emotivo e l’esposizione a suoni o movimenti ripetitivi. A parte un singolo episodio depressivo diversi anni prima curato con escitalopram, non aveva nient’altro di nota nella sua storia medica e non stava assumendo alcun farmaco. L’esame generale era normale. L’esame neurologico non ha rivelato ulteriori segni patologici e la valutazione psichiatrica non è stata suggestiva di comorbidità cognitive o psichiatriche rilevanti oltre all’attuale isolamento sociale. I test di laboratorio erano entro i limiti normali. L’esame del liquido cerebrospinale, la radiografia del torace e l’ecografia addominale erano normali. La risonanza magnetica del cervello non ha mostrato lesioni ed era adeguata all’età. In sintesi, è stata sospettata una Tourette ad esordio tardivo, esacerbata dopo aver interrotto l’autotrattamento con la cannabis. È stato somministrato Tiaprid 300 mg al giorno, ma non ha mostrato un sollievo dai sintomi sufficiente. A causa del beneficio terapeutico della cannabis per i suoi sintomi insieme alla loro insorgenza relativamente acuta dopo la cessazione, è stata presa in considerazione una prova di Nabiximols (Sativex®) spray. L’applicazione buccale di tre dosi in 15 min. intervalli ha provocato una drastica diminuzione dell’espressione dei sintomi, descritta come “>90%” dal paziente. L’effetto è durato circa 4 ore prima che i tic iniziassero a tornare. Il  paziente non ha riportato effetti collaterali rilevanti, a parte allegria e una sensazione di relax. Un  video con il paziente “prima e dopo” è disponibile su https://tremorjournal.org/articles/10.5334/tohm.613/#V1

Sondaggio tra i malati di tumore danesi

Pazienti adulti affetti da cancro che frequentano cliniche oncologiche ambulatoriali sono stati invitati a partecipare a un sondaggio. Il tasso di risposta è stato dell’83% (2839 pazienti) e il 13% dei pazienti stava usando o aveva usato cannabis durante il trattamento. Il tasso di utilizzo era più alto nei fumatori, nei pazienti in trattamento attivo contro il cancro e nei pazienti con depressione. In totale, il 77% degli utenti ha sperimentato almeno un effetto positivo della cannabis, il 18% non ha avuto alcun effetto e il 5% ha avuto altri effetti. Almeno un effetto collaterale è stato riscontrato dal 33% degli utenti. La gestione del dolore e della nausea sono state le ragioni principali per iniziare l’uso di cannabis. Meno nausea e sonno migliore sono stati gli effetti più comuni riscontrati.
https://link.springer.com/article/10.1007%2Fs00520-021-06515-z

Dolore cronico: esiti di un anno di trattamento su più di mille malati e predittori di risposta

Sebbene studiata in alcuni studi randomizzati controllati, l’efficacia della cannabis medica (MC) per il dolore cronico rimane controversa. Utilizzando un approccio alternativo, questa coorte prospettica multicentrica basata su questionari aveva lo scopo di valutare gli effetti a lungo termine della MC sul dolore cronico di varie eziologie e di identificare i predittori per il successo del trattamento della MC. I pazienti con dolore cronico, autorizzati all’uso della MC in Israele, hanno riportato l’intensità media settimanale del dolore (esito primario) e i sintomi correlati prima e a 1, 3, 6, 9 e 12 mesi dopo l’inizio del trattamento con MC. Un totale di 1.045 pazienti hanno completato i questionari di base e hanno iniziato il trattamento per la MC, e 551 hanno completato il follow-up di 12 mesi. A 1 anno, l’intensità media del dolore è diminuita rispetto al basale del 20% . Tutti gli altri parametri sono migliorati del 10%-30%. Si è osservato inoltre una diminuzione significativa del 42%  rispetto al basale nel dosaggio giornaliero di oppioidi. Gli effetti avversi riportati erano comuni ma per lo più non gravi. La presenza di una durata del sonno da normale a lunga, un indice di massa corporea più basso e un punteggio di depressione più basso prevedevano un successo del trattamento relativamente più elevato, mentre la presenza di dolore neuropatico prevedeva il contrario. Concludendo, questo studio prospettico fornisce ulteriori prove degli effetti della MC sul dolore cronico e sui sintomi correlati, dimostrando un miglioramento complessivo a lungo termine da lieve a modesto delle misure testate e identificando possibili predittori per il successo del trattamento.
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/33065768/

Ancora dolore cronico, e novità dal mondo farmaceutico

Questo studio ha avuto lo scopo di indagare sulla qualità della vita correlata alla salute dei pazienti con dolore cronico a cui sono state prescritte preparazioni di olio di cannabis (Adven®, Curaleaf International).  Gli esiti primari erano i cambiamenti in Brief Pain Inventory short-form (BPI), Short-form McGill Pain Questionnaire-2 (SF-MPQ-2), Visual Analogue Scale (VAS) Pain, Disturbo d’ansia generale-7 (GAD-7), scala della qualità del sonno (SQS) e EQ-5D-5L, a 1, 3 e 6 mesi. Sono stati inclusi 110 pazienti. Sono stati dimostrati miglioramenti significativi in ​​SQS, sottoscala dolore e disagio EQ-5D-5L e sottoscala Brief Pain Inventory Interference (p<0,05) a 1, 3 e 6 mesi. Non ci sono state differenze notevoli tra i naïve alla cannabis e i precedenti consumatori di cannabis nei risultati sulla qualità della vita. L’incidenza degli eventi avversi è stata del 30%, con la maggior parte degli eventi avversi di intensità lieve o moderata. Il trattamento del dolore cronico con gli oli Adven® CBMP è stato associato a un miglioramento degli esiti specifici del dolore, dell’HRQoL e della qualità del sonno auto-riferita. La sicurezza relativa è stata dimostrata rispetto all’uso prescritto a medio termine.

Per inciso, la Curaleaf International a fine giugno ha annunciato che la sua la sua consociata interamente controllata, Adven GmbH ha annunciato un accordo strategico di partnership con Zambon GmbH, filiale tedesca di Zambon Spa, multinazionale farmaceutica italiana, leader nel morbo di Parkinson, nelle malattie respiratorie gravi e nel dolore. L’obiettivo dell’accordo è mettere a disposizione dei pazienti trattamenti a base di cannabis medica, con un focus iniziale sulle terapie neurologiche. La Curaleaf inoltre due anni fa, quando ancora si chiamava EMMAC, ha costituito una joint venture 50/50 con Fontana SRL (“Fontana JVCo”), di Sergio Fontana, fondatore e principale azionista di Farmalabor SRL ( “Farmalabor”), uno dei più attivi importatori e distributori autorizzati di cannabis medica in Italia. Farmalabor ha appena presentato al terzo convegno della Società Italiana Ricerca Cannabis SIRCA , tenutosi a Pisa il 17 e 18 settembre scorsi, il suo nuovo prodotto a base di olio al THC standardizzato.

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/34473850/

https://ir.curaleaf.com/2021-06-29-Curaleaf-International-Advances-Accessibility-of-Medical-Cannabis-Products-in-Germany-with-Strategic-Partnership

https://www.emmac.com/agreement-with-farmalabor-gives-emmac-immediate-access-to-italy-europes-second-largest-medical-cannabis-market/

Dolore cronico: benefici e rischi

L’uso di cannabis medica nei pazienti con dolore cronico non da cancro può dare benefici in termini di riduzione di uso di oppiacei, ma in certi soggetti può esporre a rischio di disturbo da uso di cannabis. In Israele si è studiato se l’uso di cannabis fosse associato a un ridotto consumo di oppioidi e si sono valutati i tassi di disturbi da uso di oppioidi e cannabis tra i pazienti con dolore cronico a cui era stata prescritta cannabis medica. Un campione casuale di pazienti con dolore cronico che avevano una licenza per l’uso di cannabis è stato intervistato telefonicamente in merito al consumo di oppioidi e cannabis durante la vita. i: Dei 100 partecipanti di età compresa tra 18 e 70 anni , 76 avevano usato oppiacei. Di questi, il 93% ha ridotto o interrotto gli oppioidi dopo l’inizio della cannabis. Dieci pazienti (10%) soddisfacevano i criteri per il disturbo da uso di cannabis. Rispetto a coloro che non soddisfacevano i criteri, la loro depressione nel corso della vita era più alta ed erano meno istruiti. Concludendo, l’uso di cannabis è stato associato a un ridotto consumo di oppiacei. La prevalenza del disturbo da uso di cannabis era elevata tra i partecipanti più giovani. Mentre la cannabis medica può aiutare a ridurre l’uso di oppiacei nei pazienti con dolore cronico non oncologico, l’età più giovane, la depressione e altri fattori di rischio dovrebbero essere valutati attentamente prima di prescrivere la cannabis.
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/34338621/

Il CBD riduce il dolore del piede diabetico: studio in doppio cieco

La neuropatia diabetica affligge fin al 50% dei pazienti con diabete. Si presenta con dolore a mani e piedi. Cinquantacinque persone con tale disturbo sono state reclutate per uno studio randomizzato, in doppio cieco, contro placebo in cui sono state somministrate capsule sublinguali con 20 mg di CBD o placebo tre volte al giorno per 28 giorni. Alla fine dello studio i soggetti che assumevano CBD riportavano una riduzione statisticamente e clinicamente significativa del dolore, e inoltre un miglioramento del sonno e dell’ansia. Non vi erano effetti collaterali.
https://www.longdom.org/open-access/cannabidiol-cbd-for-the-treatment-of-painful-diabetic-peripheral-neuropathy-of-the-feet-a-placebocontrolled-doubleblind-.pdf

Vomito da chemioterapia: studio in doppio cieco

Uno studio in doppio cieco, controllato e randomizzato, multicentrico, ha dimostrato una riduzione di nausea e vomito dopo chemioterapia. I pazienti avevano manifestato nausea e vomito durante la chemioterapia endovenosa nonostante la profilassi antiemetica coerente con le linee guida. Il trattamento in studio consisteva in un ciclo di 1-4 capsule autotitolate di 2,5 mg di THC orale/2,5 mg di CBD tre volte al giorno, dal giorno -1 al giorno 5, e 1 ciclo di placebo, poi la preferenza del paziente in cieco per un terzo ciclo. Un totale di 81 partecipanti è stato randomizzato. Il 78% era di sesso femminile. La risposta completa è stata migliorata con THC:CBD dal 14% al 25% con effetti simili su assenza di vomito, uso di farmaci di soccorso, assenza di nausea significativa, e punteggi riassuntivi per il Functional Living Index-Emesis (FLIE). Il 31% ha manifestato eventi avversi come sedazione, vertigini o disorientamento, ma l’83% dei partecipanti ha preferito la cannabis al placebo. Nessun evento avverso grave è stato attribuito al THC:CBD. Sulla base di questi risultati promettenti, gli studiosi hanno in programma di reclutare altri 170 partecipanti per una analisi di fase III a gruppi paralleli.

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/32801017/

Meno infiammazione nei pazienti HIV

La recente esposizione alla cannabis è stata associata a tassi più bassi di compromissione neurocognitiva nelle persone con HIV. Le proprietà antinfiammatorie della cannabis possono essere alla base di questa relazione grazie alla riduzione della neuroinfiammazione cronica. Questo studio ha esaminato le relazioni tra l’uso di cannabis e i biomarcatori infiammatori nel liquido cerebrospinale e nel plasma e i correlati cognitivi di questi biomarcatori all’interno di un campione di tali pazienti. 263 persone sono state classificate in quattro gruppi: HIV- non consumatrici di cannabis, HIV+ non consumatori di cannabis, consumatori moderati di cannabis HIV+ e consumatori giornalieri di cannabis HIV+. L’uso quotidiano di cannabis era associato a livelli più bassi di sostanze pro-infiammatorie implicate nella patogenesi dell’HIV e queste chemochine erano collegate a migliori prestazioni nell’apprendimento che è comunemente compromesso in questi pazienti. Queste variazioni, se confermate, suggeriscono un ruolo della cannabis medicinale nella mitigazione dell’infiammazione persistente e degli impatti cognitivi dell’HIV.
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8288448/

La Cannabis sostituisce i farmaci prescritti

La cannabis è in grado di sostituire i farmaci da prescrizione, così come risulta da un sondaggio effettuato in Danimarca. Hanno risposto in 2841 dei quali la maggioranza (91%) usava cannabis non da prescrizione medica e più della metà (54,6%) la usava proprio con lo scopo di sostituire i farmaci. Rispetto agli utilizzatori che non sostituivano i farmaci, gli utilizzatori “sostituenti” avevano maggiori probabilità di essere donne e di utilizzare la cannabis nel trattamento del dolore cronico e di altre condizioni somatiche. I farmaci per il dolore (67,2%), gli antidepressivi (24,5%) e i farmaci per l’artrosi (20,7%) sono stati i tipi più comuni di farmaci sostituiti con Cannabis. Tra i farmaci per il dolore, i più sostituiti erano il Tramadolo, la morfina, poi il paracetamolo, a seguire l’ibuprofene e l’ossicodone. Tra gli antidepressivi, la sertarlina e il citalopram erano i più sostituiti. Tra gli antipsicotici, la quuetiapina era il più citato; tra gli antiepilettici il gabapentin e il pregabalin. Tra i farmaci per l’artrite, l’ibuprofene, il diclofenac, poi il metotrexato, il paracetamolo e il naproxene. Per quanto riguarda farmaci di altro tipo, erano riferiti 432 farmaci, i più frequenti erano per il sonno, per il disturbo da deficit di attenzione/iperattività e per l’ansia. Tra gli utilizzatori sostituenti, il 38,1% ha segnalato la cessazione dell’uso di farmaci da prescrizione e il 45,9% una sostanziale diminuzione del consumo di farmaci da prescrizione. Il tipo più frequente di cannabis utilizzato come sostituto era l’olio di CBD (65,2%), seguito da “hash, pot o skunk” (36,6%). L’olio a CBD era il tipo prevalente fra coloro che sostituivano i farmaci per l’artrite, il dolore, l’epilessia e la depressione. Chi invece usava “hash, pot o skunk” lo faceva al posto degli antip00sicotici. Più della metà (65,8%) ha trovato la Cannabis molto più efficace rispetto ai farmaci da prescrizione. Per quel che riguarda gli effetti collaterali, l’85,5% riferiva che i farmaci da prescrizione avevano effetti molto peggiori.

Lo stato neurocognitivo nei pazienti trattati con cannabis migliora

Pochi studi hanno valutato l’impatto a lungo termine dell’uso di cannabis medica (MC) sulla cognizione. Gli studi che esaminano i consumatori di cannabis ricreativa generalmente riportano decrementi cognitivi, in particolare in quelli con esordio adolescenziale. Poiché i pazienti con MC differiscono dai consumatori ricreativi nei motivi per l’uso, nella selezione del prodotto e nell’età di insorgenza, sono state valutate le misure cognitive e cliniche in pazienti con MC nell’arco di 1 anno. I pazienti con MC hanno completato una visita di riferimento prima di iniziare la MC e le valutazioni dopo 3, 6 e 12 mesi di trattamento. Ad ogni visita, i pazienti hanno completato una batteria neurocognitiva che valutava la funzione esecutiva, l’apprendimento/memoria verbale e le scale cliniche che valutavano l’umore, l’ansia e il sonno. È stata anche quantificata l’esposizione al delta-9-tetraidrocannabinolo (THC) e al cannabidiolo (CBD). Rispetto al basale, i pazienti con MC hanno dimostrato miglioramenti significativi sulle misure della funzione esecutiva e dello stato clinico nel corso di 12 mesi; le prestazioni di apprendimento verbale/memoria sono generalmente rimaste stabili. Il miglioramento delle prestazioni cognitive non era correlato all’uso di MC; tuttavia, il miglioramento clinico è stato associato a un maggiore uso di CBD. Le analisi suggeriscono che i miglioramenti cognitivi sono stati associati al miglioramento clinico. Le conclusioni degli autori sono che i risultati dello studio estendono i precedenti risultati pilota, indicando che i pazienti con MC possono mostrare una funzione esecutiva migliorata piuttosto che compromessa nel tempo. Gli studi futuri dovrebbero esaminare le distinzioni tra uso ricreativo e MC per identificare potenziali meccanismi legati ai cambiamenti cognitivi e il ruolo del miglioramento clinico.
https://www.cambridge.org/core/journals/journal-of-the-international-neuropsychological-society/article/an-observational-longitudinal-study-of-cognition-in-medical-cannabis-patients-over-the-course-of-12-months-of-treatment-preliminary-results/369296C94054A5055552AAA8A20CA9FA

CBD nello stress dei sanitari coinvolti nella pandemia

Gli operatori sanitari in prima linea che lavorano con pazienti con COVID-19 hanno una maggiore incidenza di sintomi di burnout. Il cannabidiolo (CBD) ha proprietà ansiolitiche e antidepressive e può essere in grado di ridurre l’esaurimento emotivo e i sintomi del burnout. Questo studio clinico randomizzato in aperto prospettico ha esaminato i esaurimento emotivo e burnout tra gli operatori sanitari in prima linea (medici, infermieri e fisioterapisti) che lavorano con i pazienti con COVID-19 presso un ospedale universitario del Brasile. I partecipanti sono stati arruolati tra il 12 giugno e il 12 novembre 2020, durante la prima ondata brasiliana della pandemia. Un totale di 214 operatori sanitari è stato reclutato e valutato per l’idoneità e 120 partecipanti sono stati randomizzati. Agli opratori è stato somministrato cannabidiolo, 300 mg (150 mg due volte al giorno), più cure standard o cure standard da sole per 28 giorni.Ll’esito primario era l’esaurimento emotivo e i sintomi del burnout, che sono stati valutati per 28 giorni. Nel braccio di trattamento, i punteggi sulla sottoscala dell’esaurimento emotivo sono diminuiti significativamente al giorno 14, al al giorno 21 e giorno 28. 5 partecipanti, tutti nel gruppo di trattamento, hanno manifestato eventi avversi: 4 casi di enzimi epatici elevati (1 critico e 3 lievi, con i lievi aumenti riportati alla valutazione finale di 28 giorni) e 1 caso di farmacodermia grave. In 2 di questi casi (1 con aumento critico degli enzimi epatici e 1 con farmacodermia grave), la terapia con CBD è stata interrotta e i partecipanti si sono ripresi completamente.
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8363917/

Disturbi del sonno nel Parkinson

il disturbo del comportamento del sonno REM (RBD) è una caratteristica non motoria comune della malattia di Parkinson. Questo studio ha valutato l’efficacia e la sicurezza del CBD per l’RBD nel Parkinson. Si è trattato di uno studio clinico, in doppio cieco, controllato con placebo in 33 pazienti con RBD e Parkinson. I pazienti sono stati randomizzati 1:1 a CBD in dosi da 75 a 300 mg o capsule di placebo e sono stati seguiti per 14 settimane. Gli esiti primari erano la frequenza delle notti con RBD. Il CBD non ha mostrato differenze rispetto al placebo per gli esiti primari. Per quanto riguarda gli esiti secondari, è stato osservato un miglioramento significativo nella soddisfazione media del sonno dalla 4a all’8a settimana nel gruppo CBD rispetto al gruppo. Gli autori concludono che il CBD, come terapia aggiuntiva, non ha mostrato alcuna riduzione delle manifestazioni di RBD nei pazienti con ParkinsonD. È stato notato un miglioramento transitorio della soddisfazione del sonno con una dose di 300 mg.
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/33754375/

Emicrania: uno studio italiano

Studiosi dell’Università di Modena hanno voluto esplorare l’efficacia e la sicurezza di 3 preparazioni di cannabinoidi orali (FM2®, Bedrocan® e Bediol®) nel trattamento dell’emicrania cronica. Si è trattato di uno studio retrospettivo svolto in pazienti con emicrania cronica che hanno ricevuto quotidianamente FM2®, Bedrocan® o Bediol® per il trattamento off-label della cefalea, fino a 6 mesi. Il numero di giorni di emicrania non è cambiato in modo significativo dopo il 3° e il 6° mese rispetto al basale. L’intensità del dolore, il consumo acuto di farmaci e il numero di giorni al mese in cui i pazienti hanno assunto almeno un farmaco per la fase acuta sono diminuiti significativamente rispetto al basale. Non sono state riscontrate differenze significative tra i pazienti che stavano ancora assumendo un trattamento preventivo per l’emicrania cronica e quelli che non lo erano. Le diverse preparazioni di cannabinoidi orali hanno mostrato un’efficacia simile). Gli eventi avversi sono stati per lo più lievi e si sono verificati nel 43,75% dei pazienti. Secondo i ricercatori, le preparazioni orali di cannabinoidi possono avere un ruolo nel ridurre l’intensità del dolore e l’assunzione acuta di farmaci nei pazienti con emicrania cronica, ma l’entità dell’effetto sembra modesta; sono necessari ulteriori studi.
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/34347088/

L’articolo La cannabis che cura – settembre 2021 proviene da Fuoriluogo.

veronulla