La cannabis che cura – Ottobre 2021

La cannabis che cura – Ottobre 2021
Tempo di lettura: 9 minuti

La rubrica sulla Cannabis Terapeutica di Fuoriluogo.it

Numero 43 – Ottobre 2021
Supplemento mensile alla
newsletter di Fuoriluogo.it – Droghe e Diritti
Ogni quarto lunedì del mese nella vostra mail
A cura di Francesco Crestani
Associazione Cannabis Terapeutica
www.medicalcannabis.it | ACT su Facebook


La qualità della vita migliora

I dati della lettteratura suggeriscono che i cannabinoidi sono sicuri, con effetti collaterali minimi e sono efficaci nella gestione del dolore cronico. I dati mostrano anche che la marijuana medica (MM) può migliorare la qualità della vita (QoL) tra i pazienti. Tuttavia, ci sono pochi dati che mostrano il beneficio della QoL correlato alla salute nei pazienti (HRQoL) con MM che lo usano per il dolore. Lo scopo di questo studio era determinare se esiste una relazione tra l’uso di HRQol e MM nei pazienti che lo utilizzano per alleviare il dolore. Tutti i pazienti con dolore, di età pari o superiore a 18 anni arruolati nel programma di MM della Pennsylvania e reclutati per lo studio hanno completato 4 sondaggi: al momento dell’iscrizione (baseline) quindi 2, 4 e 8 settimane dopo l’iscrizione. I risultati mostrano un miglioramento significativo dell’HRQoL tra i pazienti che utilizzano il MM per il dolore. Le sottoscale hanno convalidato il miglioramento del dolore e hanno anche mostrato un miglioramento dell’ansia. Tuttavia, il declino nella sottoscala della cura di sé potrebbe aver mitigato il miglioramento complessivo della qualità della vita, e sono giustificate ulteriori ricerche su quali aspetti della cura di sé sono influenzati dall’uso del MM in questa popolazione.
https://www.karger.com/Article/FullText/517857

Il CBD migliora la memoria

Uno studio in doppio cieco randomizzato contro placebo ha dimostrato un miglioramento della memoria episodica nei giovani adulti.  I partecipanti hanno ricevuto una volta una singola dose di cannabidiolo (0,25 ml, 5% cannabidiolo, 12,5 mg di cannabidiolo) e una volta placebo per lo svapo dopo aver appreso 15 nomi non correlati. Il cannabidiolo ha migliorato le prestazioni della memoria episodica verbale. È importante sottolineare che non si sono rilevati effetti sull’attenzione o sulle prestazioni della memoria di lavoro, suggerendo che il CBD non ha alcun impatto negativo su queste funzioni cognitive di base. Pertanto, il CBD potrebbe rivelarsi utile per migliorare i disturbi della memoria correlati alla malattia presenti nei disturbi psichiatrici, nei disturbi neurodegenerativi (come il morbo di Alzheimer, così come nello stress.
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/34536664

Quando la pelle è fragile: epidermolisi bullosa

L’epidermolisi bollosa (EB) è un gruppo di condizioni genetiche della pelle in cui i pazienti hanno pelle e mucose fragili che presentano vesciche con un leggero trauma.. L’EB è caratterizzata da vesciche e ferite ripetute, spesso con ridotta guarigione delle ferite, che porta a una serie di problemi secondari, tra cui ferite croniche, cicatrici, deformità, infezioni e sintomi extracutanei. Pazienti o gli operatori sanitari di lingua inglese hanno completato un sondaggio online internazionale sull’uso della Cannabis medica. Le vie più comuni utilizzate erano la topica (applicazione locale) e l’ingestione. È stato riportato che dolore e prurito diminuivano di 3 punti su una scala da 0 a 10. La maggior parte ha riferito che l’uso della Cannabis ha migliorato i sintomi complessivi dell’EB (95%), il dolore (94%), il prurito (91%) e la guarigione delle ferite (81%). I maggiori gradi di miglioramento sono stati osservati nel dolore di fondo, nel dolore correlato al movimento e nel dolore della ferita. La maggior parte dei partecipanti (79%) ha riportato una riduzione dell’uso di farmaci antidolorifici. Un’ampia percentuale di partecipanti ha indicato un impatto positivo dei Cannabinoidi sul loro benessere, con i maggiori miglioramenti riportati riguardanti la capacità di rilassarsi e dormire. L’effetto collaterale più comune era la secchezza delle fauci (44%).
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8419930/

Nessun problema con la fecondazione in vitro

Gli effetti dell’uso di cannabis sulla riproduzione maschile e femminile sono stati al centro della ricerca scientifica per decenni. Sebbene gli studi iniziali abbiano sollevato preoccupazioni, studi più recenti sono stati rassicuranti. Questo studio ha valutato gli esiti della fecondazione in vitro in un centro canadese. Complessivamente, lo studio ha incluso 722 pazienti di cui 68 (9,4%) erano consumatori di cannabis, la maggior parte definiti come consumatori leggeri. I risultati dello studio mostrano un tasso di impianto simile (40,74% contro 41,13%) e un tasso di gravidanza in corso (35,2% contro 29,1%) tra utenti e non utilizzatrici, rispettivamente. Non è stata rilevata alcuna differenza significativa tra utenti e non utenti in nessuno degli altri risultati analizzati. I risultati possono fornire una certa rassicurazione per la mancanza di effetti dannosi dimostrabili del consumo di cannabis sugli esiti della fecondazione in vitro.
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8419930/

Israele: meno uso di oppiacei

L’obiettivo di questo studio era determinare se l’uso di cannabis medica è correlato a una riduzione dell’uso di oppioidi da prescrizione e altri farmaci da prescrizione e servizi sanitari. È stato condotto uno studio di coorte retrospettivo utilizzando i file medici di 68 pazienti israeliani con dolore cronico che utilizzavano Cannabis medica. I pazienti hanno assunto meno oppioidi da prescrizione al follow-up rispetto al basale, ma la riduzione è stata di piccola entità. Non ci sono stati cambiamenti significativi nell’uso di altri farmaci o nell’uso dei servizi sanitari.
https://spcare.bmj.com/content/early/2021/09/14/bmjspcare-2020-002661.long

Riduzione ansia, ma non abbastanza

Questo studio ha valutato l’effetto della cannabis medica sui punteggi del disturbo d’ansia generalizzato in pazienti adulti tra il 2014 e il 2019 in Ontario e Alberta, Canada. Un apposito questionario è stato somministrato al momento della prima visita alla clinica e successivamente nel periodo di follow-up fino a 3,2 anni. Nel complesso, c’è stata una diminuzione statisticamente significativa dei punteggi nel tempo (in particolare, nel periodo di 6-12 mesi). Tuttavia, questo cambiamento non ha raggiunto la soglia per essere considerato clinicamente significativo. Pertanto, non sono stati rilevati miglioramenti clinici o danni nei pazienti con cannabis autorizzati dal punto di vista medico.
https://journals.sagepub.com/doi/10.1177/07067437211043393?url_ver=Z39.88-2003&rfr_id=ori%3Arid%3Acrossref.org&rfr_dat=cr_pub++0pubmed&

Colite ulcerosa, la cannabis influenza livelli di endocannabinoidi e sintomi

In Israele tredici pazienti con malattia di Crohn (MC) e nove pazienti con colite ulcerosa (CU) sono stati trattati con cannabis. Diciassette pazienti con MC e 10 con CU sono serviti come gruppi placebo. In tutti i pazienti con MC, i livelli di endocannabinoidi sono rimasti inalterati durante il periodo di trattamento. Nei pazienti con CU trattati con placebo, ma non in quelli trattati con cannabis, i livelli degli endocannabinoidi PEA, AEA e AA sono diminuiti significativamente. La riduzione percentuale dei movimenti intestinali era correlata negativamente con i cambiamenti osservati nell’AEA e nell’OEA circolanti, mentre il miglioramento della qualità della vita era correlato positivamente con i livelli di 2-AG. Lo studio supporta l’idea che l’uso di cannabis influenzi il “tono” degli endocannabinoidi nei pazienti con colite ulcerosa e possa avere effetti benefici sui sintomi della malattia nei pazienti con colite ulcerosa.
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8438407/

Prurito intrattabile nella SLA. Caso clinico

Viene presentato il caso di un uomo di 60 anni con una storia di sclerosi laterale amiotrofica e prurito neuropatico cronico, in terapia con supporto ventilatorio 24 ore su 24 e sostanzialmente non in grado di usare braccia o mani. Uno dei sintomi persistenti che ha avuto nel corso degli anni è il prurito cronico. In origine il prurito era intermittente e interessava solo le punte delle estremità. Negli anni si era progressivamente aggravato diventando ormai un prurito generalizzato costante che coinvolge tutto il corpo. Questi sintomi persistevano nonostante la buona aderenza agli idratanti topici e agli unguenti al mentolo. Più recentemente, nell’ultimo anno, il prurito era associato a parestesia, sintomi autonomici e variazioni di temperatura lungo la pelle del torace. Data la sua funzione minima dell’arto superiore, non era in grado di grattare le aree colpite e si affidava ai suoi assistenti per fornire sollievo. La natura costante di questo sintomo, specialmente di notte, quando non c’era nessuno che lo grattava, aveva causato notevole disagio e interferito con il suo sonno e il suo umore. Le strategie non farmacologiche sperimentate includevano l’uso di un materasso a pressione alternata e vari idratanti topici. Altre terapie topiche sperimentate includevano unguento al mentolo e canfora, crema steroidea, crema antistaminica e crema alla capsaicina. Le terapie sistemiche sperimentate includevano idrossizina 25 mg tre volte al giorno, pregabalin 50 mg due volte al giorno, venlafaxina 150 mg al giorno, nortriptilina 10 mg e mirtazapina 15 mg. Ogni terapia era stata utile solo per un breve periodo e le dosi della terapia sistemica erano state limitate da una significativa sedazione e da effetti collaterali anticolinergici. Altri farmaci erano controindicati vista la situazione di base. Dati i sintomi irrisolti, si discusse le opzioni di trattamento alternative, inclusi antiepilettici, bloccanti dei canali del sodio o cannabis. Dopo aver esaminato i rischi e i benefici di ciascuno, il paziente decise di provare i prodotti cannabinoidi. Il prodotto scelto era una formulazione bilanciata in capsule orali (2,43 mg THC/CBD 2,75 mg). Prima della somministrazione della capsula di cannabinoidi, il suo punteggio di prurito era 7/10 al basale. È stato iniziato inizialmente con una capsula al giorno, che ha migliorato il suo punteggio di prurito a 5/10 dopo 2  giorni. Durante i primi 2 giorni, ha riportato una lieve sedazione fino a poche ore dopo la somministrazione del farmaco. Il terzo giorno aveva sviluppato tolleranza alla sedazione e la dose era stata aumentata a una capsula due volte al giorno. Alla dose due volte al giorno, il punteggio del prurito è sceso a 3/10 in pochi giorni. Dato il netto miglioramento del suo prurito, è stato svezzato dal pregabalin nel corso di 2 settimane e mezzo senza alcun cambiamento nel suo punteggio di prurito e c’è stato un miglioramento del suo livello di sedazione. Durante le successive visite di follow-up, il paziente ha riferito che il livello di controllo del prurito è sufficiente e che il miglioramento è stato sostenuto. Durante il ciclo di trattamento con la cannabis, non c’è stato alcun cambiamento nei livelli di ansia percepita dal paziente, ma ha avuto un miglioramento generale del suo benessere dato il migliore controllo dei sintomi.
https://journals.sagepub.com/doi/10.1177/02692163211045314?url_ver=Z39.88-2003&rfr_id=ori:rid:crossref.org&rfr_dat=cr_pub%20%200pubmed

L’uso terapeutico non peggiora lo stato cognitivo, al contrario!

In contrasto con gli studi che riportano decrementi nelle prestazioni cognitive tra i consumatori di cannabis ricreativa, in particolare quelli con esordio adolescenziale, i dati di questa indagine suggeriscono che da 3 a 12 mesi di utilizzo di MC non sembrano essere associati a prestazioni cognitive inferiori. Questi risultati estendono i risultati pilota che avevano indicato un miglioramento su alcune misure della funzione esecutiva dopo 3 mesi di trattamento con cannabis medica (Gruber et al., 2016). L’attuale studio longitudinale osservazionale ha esaminato un campione più ampio di pazienti per un periodo di tempo più lungo e ha scoperto che i pazienti in terapia hanno dimostrato miglioramenti in diversi compiti esecutivi.
https://www.cambridge.org/core/journals/journal-of-the-international-neuropsychological-society/article/an-observational-longitudinal-study-of-cognition-in-medical-cannabis-patients-over-the-course-of-12-months-of-treatment-preliminary-results/369296C94054A5055552AAA8A20CA9FA

Meno infiammazione nell’AIDS

La recente esposizione alla cannabis è stata associata a tassi più bassi di compromissione neurocognitiva nelle persone con HIV. Le proprietà antinfiammatorie della cannabis possono essere alla base di questa relazione riducendo la neuroinfiammazione cronica. Questo studio ha esaminato le relazioni tra l’uso di cannabis e i biomarcatori infiammatori nel liquido cerebrospinale (CSF) e nel plasma e i correlati cognitivi di questi biomarcatori. L’attuale uso quotidiano di cannabis era associato a livelli più bassi di sostanze proinfiammatorie implicate nella patogenesi dell’HIV e queste chemochine erano collegate a miglioramenti cognitivi.
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8288448/

Donne con tumore

Sono stati raccolti dati demografici e clinici per quarantacinque pazienti affette da cancro ginecologico. Oltre il 70% delle pazienti ha riportato un miglioramento della nausea/vomito, rispetto al 36% delle pazienti che usavano la cannabis per alleviare il dolore. Delle 41 pazienti con informazioni di follow-up, il 71% ha riscontrato che la cannabis ha migliorato almeno un sintomo.
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8255178/

Pazienti con tumore durante la pandemia

Tra le indicazioni cliniche per l’uso di cannabis medicinale vi è il cancro. Questo studio mirava a identificare i cambiamenti nell’uso di cannabis e i metodi di somministrazione della cannabis tra i sopravvissuti al cancro durante la pandemia. I dati includevano 158 risposte da utilizzatori di cannabis medicinale, classificati come sopravvissuti al cancro ( n = 79) insieme a utilizzatori di cannabis medicinale di pari età senza una storia di cancro ( n= 79). Rispetto agli adulti senza una storia di cancro, i sopravvissuti al cancro avevano maggiori probabilità di segnalare l’uso di cannabis come mezzo per gestire la nausea/vomito, il mal di testa o emicrania, le convulsioni e i problemi del sonno, o come stimolante dell’appetito. I sopravvissuti al cancro avevano maggiori probabilità di segnalare la paura di essere diagnosticati con COVID-19 rispetto agli adulti senza una storia di cancro.
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8303109/

Confronto fra stati americani

L’obiettivo dello studio era confrontare le caratteristiche dei pazienti con cannabis medica in cinque stati USA per identificare le differenze potenzialmente causate da politiche diverse che circondano l’idoneità alla condizione. Le condizioni mediche primarie variavano per ogni stato, con dolore cronico, ansia e problemi alla schiena e al collo in cima alla lista in ordine variabile per Massachusetts, Maine e Maryland. Il 78,7% dei pazienti del Colorado ha riportato il dolore cronico come condizione primaria e il 70,4% dei pazienti nel Connecticut ha riportato il disturbo da stress post-traumatico come condizione medica primaria. Questo studio evidenzia come le indicazioni differiscano tra i cinque stati e mette in discussione i percorsi attraverso i quali i pazienti negli stati con normative più severe relative alle condizioni ammissibili scelgono di farsi curare con la cannabis. Questi pazienti possono rivolgersi a trattamenti alternativi o ai mercati illeciti o ricreativi della cannabis, ove consentito.
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8161659/

Fibrosi cistica: sondaggio sui curanti

Un sondaggio su 282 curanti la fibrosi cistica, a vario titolo (direttori di centri, infermieri, farmacisti, dietisti e assistenti sociali) hanno riportato che le indicazioni più frequenti per l’uso erano l’appetito, il dolore e la nausea.
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/34232573/

Dolore dopo ictus: caso clinico

Il dolore “centrale” dopo l’ictus dovuto a infarto del tronco cerebrale è molto raro. Il trattamento è difficile e mancano linee guida specifiche. Questo è il resoconto di una paziente di 61 anni che, dopo un ictus ha sviluppato un dolore bruciante e formicolio alla gamba controlaterale e un dolore bruciante e lancinante alla faccia omolaterale nel trigemino rami 1 e 2. Più di tre anni di terapia con amitriptilina, gabapentin, pregabalin e vari oppioidi era stata inefficace o aveva mostrato effetti collaterali intollerabili. La somministrazione di tetraidrocannabinolo e cannabidiolo come spray per mucosa orale in un rapporto 1:1 ha migliorato la situazione del dolore e la qualità della vita in modo rapido e permanente.
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/34230048/

L’articolo La cannabis che cura – Ottobre 2021 proviene da Fuoriluogo.

veronulla