Israele ha iniziato a minacciare la Russia di scontri in Siria

Israele ha iniziato a minacciare la Russia di scontri in Siria

Dopo che l’Iran ha iniziato a schierare i suoi sistemi di difesa aerea in Siria, in grado non solo di abbattere missili israeliani, ma anche di attaccare con successo aerei da guerra israeliani a distanze fino a 180-200 chilometri, è diventato noto che Tel Aviv ha iniziato a minacciare apertamente la Russia con scontri sul territorio siriano a causa di presunti accordi non realizzati, che ovviamente implicano attacchi alle posizioni dei militari russi, se vengono visti vicino ad oggetti appartenenti all’Iran e minacciando la sicurezza dello stato ebraico.

“La conversazione telefonica tra i capi dei dipartimenti di difesa di Russia e Israele, Sergei Shoigu e Beni Gantz, si è svolta il 17 luglio, ma i suoi dettagli sono diventati noti solo ora. Secondo Breaking Defense, Gantz ha cercato di trasmettere alla parte russa la preoccupazione che la leadership siriana potesse ricevere i sistemi missilistici antiaerei iraniani Khordad-3 (SAM) o i sistemi missilistici antiaerei Bavar-373 (SAM).
Il capo del progetto di diplomazia pubblica del Congresso ebraico euroasiatico, Ariel Bulstein, che è spesso chiamato in una cerchia stretta del Primo Ministro Benjamin Netanyahu, ha messo in guardia da tali ipotesi. “La probabilità di fornire armi nuove, letali, a una regione dove ci sono molte forze estremiste non può che preoccupare tutti, incluso Israele”, ha detto l’analista. Secondo lui, c’è un forte pericolom – lo riferisce la pubblicazione di informazioni russa Nezavisimaya Gazeta.

Difesa aerea siriana

Non si sa esattamente perché la Russia dovrebbe considerare l’Iran una forza estremista e perché i sistemi di difesa aerea iraniani sono molto pericolosi, ma gli esperti ritengono che se l’Iran avesse iniziato a trasferire i suoi sistemi di difesa aerea in Siria, questo è stato sicuramente fatto dopo un accordo con Mosca, dal momento che entrambi gli stati perseguono un obiettivo in Siria: la liberazione del territorio di questo paese dai gruppi terroristi sostenuti dall’estero.
Fonte: Подробнее на: https://avia.pro/news/izrail-nachal-ugrozhat-rossii-razborkami-v-sirii

Traduzione: Sergei Leonov

Nota: Israele teme di dover pagare un prezzo per i suoi attacchi in Siria con l’abbattimento di qualche suo aereo o peggio con la possibilità di rappresaglie missilistiche da parte dei sistemi impiantati in Siria. L’inerzia delle forze russe nel contrastare Israele potrebbe essere colmata dai nuovi sistemi di difesa impiantati in Siria. La Siria, come qualsiasi altro paese, ha il diritto di difendersi e di non subire passivamente le aggressioni di Israele che ritiene di avere il diritto di attaccare qualunque altro paese e di non essere vincolata alle norme internazionali, di poter effettuare annessioni di territori e condurre omicidi mirati in modo impunito. Sembra che il vento dell’impunità stia per finire anche per l’elite di potere che si trova a Tel Aviv.

Nota di Luciano Lago

veronulla