Il Washington Post ammette che l’esercito cinese è coinvolto con il laboratorio di Wuhan

Il Washington Post ammette che l’esercito cinese è coinvolto con il laboratorio di Wuhan

Riconosce che spesso i virus sfuggono dal laboratorio, ma suggerisce che le origini del COVID non verranno mai scoperte

Il Washington Post ha pubblicato un rapporto martedì nel quale ammette che le fughe di virus dal laboratorio in Cina sono comuni, oltre a indicare prove che l’esercito cinese stava conducendo ricerche segrete presso l’Istituto di virologia di Wuhan. Tuttavia, il pezzo ha suggerito che le origini della pandemia di coronavirus non saranno mai trovate proprio per questo fatto.

Il Post, che all’inizio dell’anno ha completamente smentito la teoria della fuga di laboratorio definendola una teoria della cospirazione “sfatata”, ha completamente cambiato la sua opinione, ora riportandola come credibile.

Il nuovo rapporto riconosce che nel laboratorio è stata condotta una ricerca militare classificata e che i documenti rimarranno quasi certamente sigillati dal governo cinese per due decenni.

“La segretezza può aiutare a spiegare perché gli sforzi per confermare o smentire la teoria della fuga di laboratorio hanno fatto pochi progressi”, afferma il rapporto.

“Le precauzioni non significano che il laboratorio abbia qualcosa a che fare con l’origine del virus, o che ci sia qualcosa di nefasto nei suoi progetti classificati”, afferma il rapporto.

Il rapporto riconosce quindi che le fughe di virus di laboratorio sono già avvenute in Cina, ma afferma che “Finora non sono emerse prove contraddittorie delle dichiarazioni dei ricercatori di Wuhan. “

Ciò contraddice completamente l’intelligence che ha riacceso l’ipotesi della fuga dal laboratorio, il fatto che i lavoratori del laboratorio siano stati ricoverati in ospedale prima della pandemia e la morte di alcuni dei loro famigliari.

L’articolo del Post sostiene inoltre che “Molti scienziati occidentali favoriscono la teoria secondo cui la pandemia è di origine naturale”, senza evidenziare nessuno degli studi scientifici o altre prove che indichino la probabilità che il virus sia stato creato artificialmente.

Né il pezzo indica la campagna coordinata per costringere gli scienziati a non perseguire la teoria della fuga dal laboratorio condotta da Peter Daszak e dai suoi scagnozi, e il conseguente rigetto dell’ipotesi basato su nient’altro che la paura di essere ostracizzati.

Ma poi di nuovo cos’altro ci aspetteremmo dai media dell’establishment?

Fonte

gettyimages-643959858-768x432-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Fai clic qui per acquistare.

veronulla