Equità sociale e cannabis legale devono avanzare insieme

Equità sociale e cannabis legale devono avanzare insieme
Tempo di lettura: 9 minuti

equità sociale e cannabis legale ReleaseE’ stato rilasciato ieri un nuovo report realizzato da Release, ONG inglese attiva sul fronte della riforma delle politiche sulle droghe. Intitolato “REGULATING RIGHT, REPAIRING WRONGS:Exploring Equity and Social Justice Initiatives within UK Cannabis Reform” questo rapporto, che potete scaricare anche su fuoriluogo.it, propone 14 principi guida per l’equità sociale che dovrebbero essere integrati nel futuro mercato della cannabis regolamentato legalmente nel Regno Unito. Questo documento si basa su una precedente ricerca nazionale condotta sempre da Release sulla repressione sproporzionata nei confronti delle minoranze etniche e di altri gruppi svantaggiati di cui abbiamo già parlato qui, e valuta i quadri normativi che stanno emergendo in Nord America e oltre. Esso delinea una tabella di marcia basata sulle evidenze per dare la priorità e proteggere coloro che sono stati più vulnerabili ai danni della proibizione nei mercati ricreativi legali, assicurando allo stesso tempo i benefici della legalizzazione e della regolamentazione della cannabis per tutti.

Mentre i paesi di tutto il mondo – dagli USA al Canada, dall’Uruguay alla Germania – riconoscono il fallimento e i danni della proibizione della cannabis, il Regno Unito rimane indietro. Tuttavia, con oltre la metà dei britannici, e quasi due terzi nella capitale Londra, che hanno già segnalato il loro sostegno alla legalizzazione della cannabis per uso ricreativo, la realtà è che la riforma della cannabis nel Regno Unito è inevitabile. La questione non è quando, ma come sarà regolata la cannabis nel Regno Unito.

Un certo numero di stati americani, in particolare New York e Massachusetts, hanno aperto la strada ad un modello di giustizia sociale e etnica nella riforma delle politiche sulla cannabis. Release presenta dei principi guida in preparazione di un’eventuale regolamentazione legale della cannabis nel Regno Unito. Questi principi sono concepiti per assicurare che le stesse persone che sono incarcerate dalle politiche punitive sulle droghe non siano escluse dal mercato legale, e che la riforma della cannabis sia un’opportunità per riparare le ingiustizie storiche causate dalla guerra alla droga.

Sommario

Ci sono molti indizi che suggeriscono come il Regno Unito abbia un disperato bisogno di riformare la legge sulla cannabis. La cannabis è attualmente in classe B secondo il Misuse of Drugs Act del Regno Unito del 1971 ed è illegale possederla, fornirla o produrla. Il possesso per uso personale comporta una pena massima di cinque anni di reclusione e una multa illimitata, mentre la fornitura/traffico viene punita con una pena massima di 14 anni di reclusione e una multa illimitata. Oltre mezzo milione di persone ogni anno sono soggette a fermi e perquisizioni da parte della polizia in Inghilterra e Galles, il 63% di tutte le perquisizioni della polizia nel 2019/20 sono per droga.[1]Home Office (2020) Police powers and procedures, England and Wales, year ending 31 March 2020 – Second Edition, … Continue reading I neri e altri gruppi di minoranze etniche hanno sempre più probabilità di essere fermati e perquisiti rispetto ai bianchi. Per tutte le perquisizioni effettuate nel 2019/20 in Inghilterra e Galles, le persone che si autodefiniscono come “nere, asiatiche e appartenenti a minoranze etniche” hanno avuto 4,1 volte più probabilità di essere perquisite rispetto ai bianchi. La disparità è particolarmente pronunciata per i neri, che hanno avuto 8,9 volte più probabilità di essere fermati e perquisiti rispetto ai bianchi [2]Ibidem nonostante non avessero più probabilità della popolazione bianca di fare uso di sostanze controllate. [3]Office for National Statistics (2019) Drug Misuse: Findings from the 2018/19 CSEW: Data Tables (Table 3.01 Proportion of 16 to 59-year olds reporting use of drugs in the last year by personal … Continue reading Mentre le disparità in fermi e perquisizioni a livello nazionale possono mascherare differenze nelle dimensioni e nella composizione delle popolazioni di ogni singolo distretto, in quasi tutte le i distretti delle forze di polizia, le persone di colore subiscono il più alto tasso di fermi e perquisizioni. Alla luce di questa disuguaglianza, accanto all’evidenza che la maggior parte delle perquisizioni non porta a nulla, con solo il 20% delle perquisizioni nell’ambito dei principali poteri di polizia nel 2019/20 ha portato a un risultato legato al motivo della perquisizione [4]Home Office (2020) Police powers and procedures, England and Wales, year ending 31 March 2020 – Second Edition, … Continue reading – il Majesty’s Inspectorate of Constabulary and Fire & Rescue Services (HMICFRS), che esamina l’efficacia della polizia, ha chiesto “un dibattito nazionale basato sull’evidenza sull’uso dell’arresto e della perquisizione nel controllo delle droghe controllate[5]Her Majesty’s Inspectorate of Constabulary and Fire & Rescue Services (2021) Disproportionate use of police powers A spotlight on stop and search and the use of force, … Continue reading.

Secondo una ricerca globale dell’Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine – che ha esaminato i rapporti di 69 paesi nell’arco di quattro anni (tra il 2014 e il 2018) – “la cannabis è la droga che più porta le persone a contatto con il sistema di giustizia penale, rappresentando più della metà di tutti i casi di reati di droga“.[6]United Nations Office on Drugs and Crime [UNODC] (2020) World Drug Report: Executive Summary, https://wdr.unodc.org/wdr2020/field/WDR20_BOOKLET_1.pdf, p.21. La proibizione della cannabis è infatti il motore principale dell’ineguaglianza nell’applicazione della legge sulle droghe e la conseguente sovrarappresentazione dei neri e di altre minoranze etniche nel nostro sistema di giustizia penale.[7]Shiner, M., Carre, Z., Delsol, R. & Eastwood, N. (2018) The Colour of Injustice: ‘Race’, drugs and law enforcement in England and Wales, London: StopWatch, Release & the International … Continue reading Inoltre, sono i reati di possesso di cannabis di basso livello a guidare questa disparità, con una stima che, di tutte le perquisizioni della polizia, una su tre sia per il solo possesso di cannabis.[8]Shiner, M. (2015) Drug policy reform and the reclassification of cannabis in England and Wales: A cautionary tale, International Journal of Drug Policy, 26 (7), 696-704, … Continue reading I neri e gli asiatici sono poi condannati per possesso di cannabis rispettivamente 11,8 e 2,4 volte di più rispetto ai bianchi, nonostante i tassi più bassi di consumo dichiarato, e più neri sono perseguiti per semplice possesso di cannabis che per lo spaccio di droghe di classe A e B messe insieme.[9]Shiner, M., Carre, Z., Delsol, R. & Eastwood, N. (2018) The Colour of Injustice: ‘Race’, drugs and law enforcement in England and Wales, London: StopWatch, Release & the International … Continue reading

Mentre è raro che le persone vengano imprigionate per il possesso di cannabis per uso personale, negli ultimi dieci anni quasi 222.000 persone sono state perseguite per questo reato in Inghilterra e Galles, [10]Ministry of Justice (2021) Outcomes by Offence data tool, Criminal Justice System Statistics December 2020, … Continue reading e altre centinaia di migliaia avranno ricevuto un ammonimento della polizia. Questo crea precedenti penali che danneggiano le future opportunità di istruzione e di lavoro [11]Department for Education (2018) Permanent and fixed-period exclusions in England: 2016 to 2017, https://www.gov.uk/government/statistics/permanent-and-fixed-period-exclusions-in-england-2016-to-2017.[12]Release and the National Union of Students (2018) Taking the Hit: student drug use and how institutions respond, London: Release and NUS, … Continue reading le domande di visto e, potenzialmente, l’accesso all’alloggio e i diritti genitoriali. Decine di migliaia di altri saranno stati condannati per aver fornito cannabis, e la maggior parte delle persone coinvolte in questi tipi di reati sono spacciatori di basso livello che sono spinti a partecipare al mercato a causa della loro situazione economica e della mancanza di di opportunità.[13]Global Commission on Drug Policy (2016) Advancing Drug Policy Reform: A New Approach to Decriminalization, … Continue reading

Quasi l’8% degli adulti di età compresa tra i 16 e i 59 anni in Inghilterra e Galles riferisce di aver fatto uso di cannabis nell’ultimo anno[14]Office for National Statistics (2020) Drug misuse in England and Wales: year ending March 2020, … Continue reading – con questa cifra che aumenta fino a quasi il 19% tra i giovani tra i 16 e i 24 anni [15]Ibid. – e in un recente sondaggio su 16.017 studenti universitari del Regno Unito, il 44% ha descritto la cannabis la sua “droga preferita”.[16]Mussen, M. & Shead, E. (2020) 16,000 students took our drugs survey. Find out how and what they’re taking this term, The Tab, … Continue reading Un approccio punitivo, incentrato sulle risposte della giustizia penale, non ferma il consumo, il possesso o lo spaccio della droga illecita più popolare del Regno Unito (e del mondo)[17]United Nations Office on Drugs and Crime [UNODC] (2019) World Drug Report: Cannabis and Hallucinogens, https://wdr.unodc.org/wdr2019/prelaunch/WDR19_Booklet_5_cannabis_hallucinogens.pdf.. Invece, un vasto numero di persone viene molestato, sorvegliato e criminalizzato a causa del nostro attuale quadro giuridico, con un impatto devastante sulle comunità; in particolare e ingiustificatamente, le comunità nere e asiatiche.

Con una lista crescente di paesi, e oltre un terzo degli stati USA, che hanno ora legalizzato la cannabis per uso ricreativo, si prevede che la cannabis sarà la prima droga ad essere regolamentata nel Regno Unito per scopi ricreativi, e che questo avverrà entro il prossimo decennio[18]Connolly, J. (2019) Newsbeat: Cannabis ‘to be legalised in the UK’ within five to ten years, say MPs, BBC News, https://www.bbc.co.uk/news/newsbeat-49073222., nonostante la riluttanza del nostro attuale Primo Ministro. [19]Channon, M. & Glass, J. (2021) Boris Johnson has ‘absolutely no intention of legalising cannabis’,Bristol Post, … Continue reading Organizzazioni come la Transform Drug Policy Foundation hanno a lungo considerato come regolamentare con successo il mercato della cannabis nel Regno Unito; pubblicando la loro guida alla regolamentazione della cannabis nel 2016.[20]Transform Drug Policy Foundation (2016) How to Regulate Cannabis: A Practical Guide, Second Edition, https://transformdrugs.org/publications/how-to-regulate-cannabis-a-practical-guide. La questione da considerare attentamente ora non è se riformare le leggi sulla cannabis nel Regno Unito, ma come ci assicureremo che le persone più vulnerabili ai danni della proibizione siano protette dai cambiamenti delle politiche e abbiano accesso prioritrio ai nuovi mercati legali. Questo documento evidenzia la necessità di fare dell’equità sociale e della salute pubblica gli obiettivi primari della riforma della legge sulla cannabis nel Regno Unito – come sostenuto dalle esperienze delle giurisdizioni del Nord America che hanno già stabilito un mercato legale – e delinea una serie di principi fondamentali di equità sociale che chiediamo alle altre organizzazioni e ai politici di sostenere.

PRINCIPI DI EQUITÀ SOCIALE

14 PRINCIPI PER ASSICURARE UN MERCATO DELLA CANNABIS GIUSTO, CORRETTO ED EQUO NEL REGNO UNITO

1. La depenalizzazione dovrebbe andare di pari passo con la regolamentazione. Non ci dovrebbero essere sanzioni penali o civili per l’uso o il possesso di cannabis (o per qualsiasi attività di uso personale), indipendentemente dal fatto che la cannabis provenga dall’economia lecita o illecita. Questo dovrebbe estendersi all’uso pubblico di cannabis e alla fornitura senza profitto, cioè la “fornitura sociale”.

2. L’uso e/o il possesso di cannabis non dovrebbe più mettere le persone a rischio di perdere diritti sociali ed economici, come l’alloggio o i diritti genitoriali – né dovrebbe essere
una base per tornare in prigione o la violazione della libertà condizionata.

3. Le entrate fiscali accumulate dovrebbero essere investite nelle comunità che sono state ipercontrollate e ipercriminalizzate, e dovrebbero sostenere interventi di riduzione del danno da droghe e iniziative più ampie di trattamento delle dipendenze.

4. Quando il reato è legato alla cannabis il rilascio dalla prigione deve essere automatico, invece che legato ad una istanza di revoca giudiziale. Dove i reati di cannabis sono collegati ad altri reati penali, si dovrebbe rimuovere la parte di condanna aggiunta o direttamente attribuita al reato relativo alla cannabis.

5. Per coloro che sono già stati condannati per un reato legato alla cannabis, il governo dovrebbe adottare processi di cancellazione automatica di massa. Cioè la completa rimozione delle precedenti condanne legate alla cannabis dai registri governativi, in un processo che ha luogo senza, o con la minima partecipazione dei condannati.

6. In attesa del processo di cancellazione, gli individui con condanne esistenti legate alla cannabis non dovrebbero essere esclusi dalla partecipazione a nessun mercato
o opportunità di lavoro (all’interno o all’esterno della vendita al dettaglio della cannabis).

7. Nello sviluppo di un quadro normativo, le comunità delle minoranze etniche e coloro che hanno vissuto l’esperienza dell’applicazione della legge sulle droghe devono essere adeguatamente coinvolti e consultati in quanto i più colpiti dalla proibizione della cannabis. Il mercato legale della cannabis al dettaglio deve adottare un quadro antirazzista di politiche e pratiche basate sulla creazione di equità e deve prendere misure per assicurare la diversity e l’inclusione tra i suoi attori.

8. Devono essere messi in atto dei programmi per sostenere attivamente nell’industria legale le persone che sono state criminalizzate per attività legate alla cannabis e le comunità che sono state sono state ipercontrollate e ipercriminalizzate come risultato dell’applicazione della legge sulla cannabis. Una percentuale minima di licenze dovrebbe essere assegnata a persone provenienti da queste comunità, e dovrebbe essere accompagnata da un supporto per la richiesta della licenza.

9. Il supporto di competenze finanziarie e tecniche, l’accesso alle sovvenzioni e ai prestiti, e l’accesso alla terra, devono essere robusti e resi disponibili subito dopo l’entrata in vigore della nuova legislazione al fine di ridurre al minimo il periodo di transizione da un mercato illecito a uno lecito. L’accesso a questo sostegno deve essere soggetto alla trasparenza e le minoranze etniche e i gruppi socio-economicamente svantaggiati dovrebbero essere collegati a reti di esperti.

10. È imperativo che i piccoli coltivatori e coloro che provengono da gruppi socioeconomici più bassi, la cui principale fonte di fonte di reddito è stato il commercio illegale di cannabis, siano introdotti nel mercato legale, se è quello che vogliono, per assicurare che il danno economico non venga perpetuato attraverso la riforma.

11. Forme cooperative di distribuzione, vale a dire, il modello cannabis “social club” – che attualmente operano illegalmente nel Regno Unito – dovrebbero essere incorporate in qualsiasi nuovo sistema di regolamentazione, e consultati su come l’inclusione dovrebbe essere eseguita al meglio.

12. Qualsiasi nuovo sistema di regolamentazione dovrebbe permettere la coltivazione domestica non commerciale. La politica dovrebbe includere il diritto degli individui di coltivare cannabis a casa propria per uso personale e di regalare (senza ricompensa monetaria), nello stesso modo, per esempio, in cui gli individui sono in grado produrre la propria birra.

13. Non ci dovrebbe essere una specifica (aggiuntiva) criminalizzazione dell’attività al di fuori del mercato regolamentato. Coloro che sono coinvolti nell’approvvigionamento illecito del mercato – che non sono stati in grado o non vogliono operare sul mercato nel mercato legale – dovrebbero essere trattati allo stesso modo che in altri mercati simili (alcool/tabacco). Vendere alcolici senza una licenza, per esempio, è un reato nel Regno Unito. Per coloro che operano all’interno del mercato mercato legale, non ci dovrebbe essere una criminalizzazione specifica. Per esempio, se c’è una inosservanza nel pagare le tasse, questa dovrebbe essere affrontata attraverso l’esistente legislazione sull’evasione fiscale o se il prodotto finale è dannoso, questo dovrebbe essere affrontato attraverso le leggi esistenti sulla responsabilità del produttore.

14. Un comitato dedicato e diversificato, che comprenda coloro che che sono stati soggetti a un’eccessiva repressione, dovrebbe essere istituito per assicurare la supervisione e il monitoraggio centrale. Il ruolo del comitato sarà quello di promuovere l’equità e assicurare che l’industria legale sia inclusiva ed economicamente più emancipante per coloro che sono stati sproporzionatamente colpiti dalla dalla proibizione della cannabis. I dati dovrebbero essere raccolti e pubblicati regolarmente.

[Fonte Release]

Note

Note
1, 4 Home Office (2020) Police powers and procedures, England and Wales, year ending 31 March 2020 – Second Edition, https://assets.publishing.service.gov.uk/government/uploads/system/uploads/attachment_data/file/929573/police-powers-procedures-mar20-hosb3120.pdf.
2 Ibidem
3 Office for National Statistics (2019) Drug Misuse: Findings from the 2018/19 CSEW: Data Tables (Table 3.01 Proportion of 16 to 59-year olds reporting use of drugs in the last year by personal characteristics, 2018/19), https://www.gov.uk/government/statistics/drug-misuse-findings-from-the-2018-to-2019-csew.
5 Her Majesty’s Inspectorate of Constabulary and Fire & Rescue Services (2021) Disproportionate use of police powers A spotlight on stop and search and the use of force, https://www.justiceinspectorates.gov.uk/hmicfrs/wp-content/uploads/disproportionate-use-of-police-powers-spotlight-on-stop-search-and-use-of-force.pdf, p.2.
6 United Nations Office on Drugs and Crime [UNODC] (2020) World Drug Report: Executive Summary, https://wdr.unodc.org/wdr2020/field/WDR20_BOOKLET_1.pdf, p.21.
7 Shiner, M., Carre, Z., Delsol, R. & Eastwood, N. (2018) The Colour of Injustice: ‘Race’, drugs and law enforcement in England and Wales, London: StopWatch, Release & the International Drug Policy Unit, London School of Economics and Political Science, https://www.release.org.uk/publications/ColourOfInjustice
8 Shiner, M. (2015) Drug policy reform and the reclassification of cannabis in England and Wales: A cautionary tale, International Journal of Drug Policy, 26 (7), 696-704, https://doi.org/10.1016/j.drugpo.2015.03.009
9 Shiner, M., Carre, Z., Delsol, R. & Eastwood, N. (2018) The Colour of Injustice: ‘Race’, drugs and law enforcement in England and Wales, London: StopWatch, Release & the International Drug Policy Unit, London School of Economics and Political Science, https://www.release.org.uk/publications/ColourOfInjustice.
10 Ministry of Justice (2021) Outcomes by Offence data tool, Criminal Justice System Statistics December 2020, https://www.gov.uk/government/statistics/criminal-justice-system-statistics-quarterly-december-2020
11 Department for Education (2018) Permanent and fixed-period exclusions in England: 2016 to 2017, https://www.gov.uk/government/statistics/permanent-and-fixed-period-exclusions-in-england-2016-to-2017.
12 Release and the National Union of Students (2018) Taking the Hit: student drug use and how institutions respond, London: Release and NUS, https://www.release.org.uk/publications/taking-hit-student-drug-use-and-how-institutions-respond
13 Global Commission on Drug Policy (2016) Advancing Drug Policy Reform: A New Approach to Decriminalization, http://www.globalcommissionondrugs.org/wp-content/uploads/2016/11/GCDP-Report-2016-ENGLISH.pdf, p.23.
14 Office for National Statistics (2020) Drug misuse in England and Wales: year ending March 2020, https://www.ons.gov.uk/peoplepopulationandcommunity/crimeandjustice/articles/drugmisuseinenglandandwales/yearendingmarch2020
15 Ibid.
16 Mussen, M. & Shead, E. (2020) 16,000 students took our drugs survey. Find out how and what they’re taking this term, The Tab, https://thetab.com/uk/2020/12/22/16000-students-took-our-drugs-survey-find-out-how-and-what-theyre-taking-this-term-187354.
17 United Nations Office on Drugs and Crime [UNODC] (2019) World Drug Report: Cannabis and Hallucinogens, https://wdr.unodc.org/wdr2019/prelaunch/WDR19_Booklet_5_cannabis_hallucinogens.pdf.
18 Connolly, J. (2019) Newsbeat: Cannabis ‘to be legalised in the UK’ within five to ten years, say MPs, BBC News, https://www.bbc.co.uk/news/newsbeat-49073222.
19 Channon, M. & Glass, J. (2021) Boris Johnson has ‘absolutely no intention of legalising cannabis’,Bristol Post, https://www.bristolpost.co.uk/news/uk-world-news/boris-johnson-absolutely-no-intention-5267900.
20 Transform Drug Policy Foundation (2016) How to Regulate Cannabis: A Practical Guide, Second Edition, https://transformdrugs.org/publications/how-to-regulate-cannabis-a-practical-guide.

L’articolo Equità sociale e cannabis legale devono avanzare insieme proviene da Fuoriluogo.

veronulla