Donne in movimento, il self empowerment entra nelle carceri italiane

Donne in movimento, il self empowerment entra nelle carceri italiane
Tempo di lettura: 2 minuti

Con un webinar di presentazione lunedì 3 maggio (ore 17,30 iscrizione su https://attendee.gotowebinar.com/register/5933265324334509582) partirà il progetto “WOM – Women on Movement – Self empowerment per donne detenute” promosso da la Società della Ragione con il sostegno dell’otto per mille della Chiesa Valdese.

Il progetto prende spunto dall’esperienza positiva di un precedente progetto di ricerca–azione denominato WIT – Women in Transition, anch’esso finanziato dall’otto per mille della Chiesa Valdese, grazie al quale nel 2018 sono stati sperimentati gruppi di self-empowerment tra donne detenute in due carceri della Toscana, condotti da esperte dell’associazione. L’approccio di empowerment in carcere e l’esperienza dei “laboratori” di self empowerment sono stati documentati anche nel volume di S. Ronconi e G. Zuffa La prigione delle donne. Idee e pratiche per i diritti, Ediesse, Roma (2020, pp.206).

Il nuovo progetto si propone di estendere l’esperienza dei laboratori di self empowerment fra donne detenute primariamente attraverso l’apertura di un confronto generale nell’ambito del contesto carcerario sulla tematica della differenza di genere e sull’approccio di empowerment in carcere. Saranno quindi attivati moduli di formazione rivolti a operatori e a operatrici del settore penitenziario (volontari e professionisti) per la conduzione dei gruppi di self empowerment con le donne detenute. L’obiettivo finale è quello di promuovere nuove esperienze di laboratori di self empowerment in carcere, con la conduzione di operatori/ci formati ad hoc e con opportuna supervisione.

Il 3 maggio dalle 17,30 Grazia Zuffa, Presidente de la Società della Ragione, insieme a Susanna Ronconi e Liz O’Neill, conduttrici dei primi laboratori sperimentali e Serena Franchi, direttrice dell’Associazione presenteranno nel dettaglio il progetto. Hanno per ora assicurato la partecipazione Maria Teresa Menotto, Elena Zizioli, Monica Gallo, Nicoletta Gandus, Ornella Favero, Giusi Furnari e Giulia Fabini.

Per iscriversi al webinar di presentazione del 3 maggio:
https://attendee.gotowebinar.com/register/5933265324334509582

Per informazioni sul progetto, programma e termini si iscrizioni consultate https://www.societadellaragione.it/wom oppure scrivete a wom@societadellaragione.it.

L’articolo Donne in movimento, il self empowerment entra nelle carceri italiane proviene da Fuoriluogo.

veronulla