Crollo occidentale: la Germania tentata dall’asse Mosca-Pechino?

Crollo occidentale: la Germania tentata dall’asse Mosca-Pechino?

di Pierrick Tillet

Il caos post-Covid in cui sta lottando l’impero capitalista occidentale potrebbe rimescolare le carte delle alleanze geopolitiche più velocemente di quanto sembri. “La definitiva alleanza eurasiatica è più vicina di quanto si possa pensare”, ha scritto il giornalista Pepe Escobar in un recente post .

Questi ricorda che l’Eurasia designa congiuntamente l’Europa e l’Asia come un unico continente. Come ci spiega il Grande Gioco in tutte le sue cronache sullo yetiblog , l’alleanza Mosca-Pechino è già concreta al momento. Queste due superpotenze hanno capito che un potere reale si misura con due criteri:
la sua autonomia (sovranità) economica-energetica-tecnologica
un’alleanza intelligente con i poteri alternativi che possono consentirgli di ottenere ciò che ancora gli manca.
C’è qualcos’altro che anche queste due potenze emergenti hanno ben assimilato: non si può più contare su una vecchia potenza decrepita come l’America di Trump (o Biden). Pepe Escobar dice, citando Putin:

“Negoziare con la squadra Trump è come giocare a scacchi con un piccione: un uccello pazzo che cammina sulla scacchiera, caga indiscriminatamente, fa cadere pezzi, dichiara vittoria, poi fugge. “

Il pragmatismo tedesco nell’oceano delle derive psicopatiche occidentali doveva prima o poi emergere.
A differenza delle loro pazze controparti nel blocco occidentale. Putin e Xi Ping hanno questo in comune: sono dei veri capi di stato pragmatici e intelligenti, non i rimanenti e inoperativi project manager di alcune mafie finanziarie segrete in piena disintegrazione (segui il mio sguardo dal Palazzo dell’Eliseo).

Solo un Paese occidentale sfugge alla carneficina psicopatica che sta colpendo il blocco occidentale: la Germania. È il famoso pragmatismo tedesco che ha permesso a questo paese di districarsi dall’episodio della pandemia di coronavirus molto meglio dei suoi vicini europei. È stato il pragmatismo tedesco a rendere Berlino la potenza dominante nell’eterea assemblea che è l’Unione europea. E sii convinto che Frau Merkel abbia da tempo preso la misura del decadimento delle sue controparti di Washington, chiunque esse siano o chiunque esse diventeranno, dopo le elezioni presidenziali statunitensi del 3 novembre.

Putin Merkel

Quando parla di “alleanza eurasiatica” – che dovrebbe comprendere tutta la parte occidentale del continente europeo – Pepe Escobar evoca naturalmente soprattutto un bivio Berlino-Mosca-Pechino, essendo gli altri paesi membri dell’Ue una parte trascurabile, altrimenti ridicola.

Mosca e Pechino fanno pressioni per Berlino
Inutile dire che la Germania ha ancora molti interessi da difendere all’interno del blocco occidentale, ad esempio le sue esportazioni di automobili negli Stati Uniti. Ma il crollo economico dell’Occidente, i disordini monetari che alla fine deriveranno da un euro troppo forte che penalizzerà le esportazioni tedesche, l’osservazione infine che l’asse Pechino-Mosca sta prendendo il sopravvento militare sul l’impero statunitense, anche nella sua riserva marittima , tiene molta attenzione dalla Cancelleria tedesca. Interrompere la fornitura di gas e petrolio russi, rischiare la chiusura dello Stretto di Hormuz a seguito degli attacchi permanenti del Deep State americano contro l’Iran ,sarebbe un suicidio per la Germania.

Se l’asse Mosca-Pechino è già una realtà, scrive Pepe Escobar, il riavvicinamento Berlino-Pechino è già a buon punto. E l’anello mancante, ma non così lontano, richiesto dal pragmatismo, rimane il collegamento Berlino-Mosca.
L’imminente conclusione del Nord-Stream II, l’intelligente lobbismo di Mosca per sedurre Frau Merkel e soprattutto le incredibili conseguenze economiche dell’epidemia di Covid sul capitalismo occidentale, potrebbero far precipitare questo fatale gioco altalenante per Washington.

fonte:

Fonte: yetiblog.org/archives/

Traduzione: Gerard Trousson

veronulla