Clienti super ricchi di un ristorante “vegano” alla moda di New York City si godono una BISTECCA – Un altro esempio di ipocrisia elitaria

Clienti super ricchi di un ristorante “vegano” alla moda di New York City si godono una BISTECCA – Un altro esempio di ipocrisia elitaria

Ecco un altro esempio di come le belle parole dell’elite woke siano in realta` un mare di cazzate ipocrite: un famoso ristorante di New York il quale recentemente ha deciso per la svolta vegana, include una “stanza carnivora” per ricchi consumatori di bistecche.

Sarebbe difficile immaginare una metafora migliore per questi tempi di un ristorante che si ingrazia i profeti di sventura del cambiamento climatico diventando pubblicamente “vegan”, mentre, allo stesso tempo, serve foie gras, filetto di manzo e piatti di maiale ai ricchi clienti mentre il pianeta starebbe “bruciando”.

Questa “insalata” di ipocrisia viene servita all’Eleven Madison Park – soprannominato “Eleven Madison Pork” dai critici – un ristorante a tre stelle Michelin a New York che ha recentemente annunciato di essersi unito al carrozzone anti-carne woke.

In un articolo apparso sul Wall Street Journal a maggio, Daniel Humm, il celebre chef e proprietario dell’Eleven Madison Park (EMP), ha ricevuto un articolo a tutta pagina che pubblicizzava la sua conversione quasi biblica alla cucina rispettosa dell’ambiente.

“Come la maggior parte degli chef raffinati, Humm è meglio conosciuto per i piatti a base di carne e pesce”, ha dichiarato WSJ. “Quando riaprirà il 10 giugno, EMP smetterà di servire carne o frutti di mare di qualsiasi tipo e preparerà i suoi piatti esclusivamente servendosi di verdure, frutta e funghi”. C’era solo un problema con quella descrizione: si trattava di un mucchio di sciocchezze.

La “falsa” notizia, arrivata dopo una chiusura dell’attività di Covid di 15 mesi, ha inviato onde d’urto nella comunità culinaria del pianeta. I lettori attenti, tuttavia, avranno notato nel dodicesimo paragrafo – la breve menzione del fatto che EMP continuerà a viziare i suoi clienti carnivori con piatti di carne in un “servizio di ristorazione privato”.

Page Six, ha descritto il servizio con meno gusto come “una stanza segreta della carne per i mega-ricchi”.

In altre parole, dopo aver accontentato a parole gli allarmisti climatici, i ricchi continueranno a cenare esattamente come vogliono mentre il resto dell’umanità sara’ costretta a pagare il conto.

Sebbene si possa scrivere molto sull’incredibile ipocrisia di Humm – lo chef di fama mondiale aveva precedentemente tenuto una conferenza, come un prepotente accolito di Greta Thunberg, che “l’attuale sistema alimentare non è semplicemente sostenibile”.

Da un lato dei binari ci sono quei cittadini che sono costretti ad aderire alle nuove regole e leggi imposte mentre si parla di un’apocalisse climatica imminente, un’idea non dimostrata di cui si parla da decenni; dall’altra ci sono le ricche élite che possono semplicemente permettersi di scrollarsi di dosso l’oscurità e le storie di sventura del collasso ambientale.

Questa non è l’unica incidenza di privilegi speciali conferiti alla fascia alta della società. Considera la devozione senza fiato della sinistra all’obbligo di indossare la mascherina, che hanno ignorato in così tante occasioni che è difficile capire perché continuano con la farsa. Da Gavin Newsom che è apparso a una festa di compleanno senza la copertura facciale, al sindaco di San Francisco London Breed che ha ignorato le sue stesse regole ed è andata senza maschera in una discoteca affollata, l’ipocrisia è diventata la normalita` tra i liberali.

Forse il segno più inquietante di questi tempi contorti, tuttavia, è arrivato durante il ballo di beneficenza del Met Gala, quando le star e le celebrità presenti, totalmente smascherate, sono state assistite da personale e paparazzi mascherati durante l’evento. A quanto pare il coronavirus sa quale classe sociale è vulnerabile al contagio e quale no.

Glenn Greenwald ha riassunto lo spettacolo deplorevole, dicendo che “la normalizzazione delle élite senza maschera seguita da servitori mascherati è grottesca”.

Eppure il “grottesco” promette solo di peggiorare mentre i guerrieri della giustizia sociale senza istruzione, come Miss Thunberg, 18 anni, continuano a urlare “cambiamento climatico!” all’interno di un pianeta affollato. Questa isteria collettiva sta aprendo la strada a un futuro senza carne pieno di gustosi piatti a base di vermi e carne 3-D del Dr. Frankenstein.

Potete essere certi, tuttavia, che nessuna di queste prelibatezze in futuro adornerà mai il menu delle “sale segrete della carne” del mondo. Perché altrimenti Bill Gates vorrebbe diventare il maggiore azionista di terreni agricoli negli Stati Uniti? Il terzo magnate più ricco del pianeta ora possiede circa 242.000 acri di terreni agricoli con un patrimonio che supera i 690 milioni di dollari. In mezzo a queste tendenze sorprendenti, che stanno escludendo del tutto gli agricoltori medi dall’attività di allevamento del bestiame, diventa più chiaro che tipo di futuro queste persone hanno in serbo per noi.

Mentre i mega-ricchi si intrufolano nelle loro stanze segrete per godersi una bistecca, il resto dell’umanità – se l’incessante clamore dei media è un indicatore, e dovrebbe esserlo – dovrà sorridere e sgranocchiare pasti a base di insetti e piante, mentre rimuovono le loro maschere chirurgiche tra i morsi. Ironia della sorte, tutto in nome del “salvare la nostra salute e l’ambiente”.

Fonte

615b43dc85f54019ab5f77bf

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Click here to purchase.

veronulla