Australia: la polizia vuole no-fly zone per le massicce proteste antigovernative

Australia: la polizia vuole no-fly zone per le massicce proteste antigovernative

Per evitare che ancora più persone si ribellino

La polizia in Australia sta spingendo affinché il governo dichiari zone interdette al volo sui siti delle proteste di massa per scoraggiare più persone dall’insorgere e unirsi a quelle già in strada infuriate contro la tirannia medica imposta al paese.

Gideon Rozner, Director of Policy presso l’Institute of Public Affairs di Melbourne, ha documentato i dettagli a Tucker Carlson.

“Il fatto è che il coronavirus ha completamente cambiato il rapporto tra governo e cittadinanza in questo Paese. Ha sopraffatto ogni controllo ed equilibrio nel nostro sistema”, ha esortato Rozner.

“Si tratta di un’era radicalmente nuova in Australia”, ha continuato, aggiungendo “La polizia nel mio stato natale di Victoria ha chiesto alla Federal Civil Aviation Authority di dichiarare una no-fly zone su Melbourne in modo che i media non potessero filmare le proteste nel caso in cui le persone vedessero quanto erano grandi e scendessero e si unissero a loro”.

“Questo è un passo straordinario da compiere per il governo”, ha dichiarato Rozner, aggiungendo “La polizia che censura i media radiotelevisivi?”.

Guarda:

Melbourne è stata scossa da proteste indisciplinate dall’inizio della scorsa settimana dopo che un sindacato dei lavoratori edili ha chiesto ai dipendenti di farsi il vaccino o di perdere il lavoro.

Come abbiamo evidenziato in precedenza, gli australiani che la polizia semplicemente sospetta possano aver intenzione di partecipare a una protesta contro la tirannia anti-COVID vengono intimiditi con visite a domicilio.

Fonte

gettyimages-1235618110-768x432-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Click here to purchase.

veronulla